Alex Lowes

Superbike 2020: Alex Lowes verso Yamaha Ten Kate

La filiale europea ha lanciato il piano di salvataggio per il britannico estromesso dalla formazione ufficiale

6 settembre 2019 - 15:33

Alex Lowes ha perso il posto in Yamaha ufficiale ma molto probabilmente continuerà a correre con la YZF-R1. La filiale europea, da cui dipendono le scelte dei team satellite, sta pianificando l’approdo del 28enne britannico in Ten Kate, che ha già confermato Loris Baz. Mantenere Alex Lowes nel giro eviterebbe a Yamaha diversi imbarazzi, anche nei confronti della casa madre giapponese, che non vuole perdere un pilota che ha dimostrato potenziale alla 8 ore di Suzuka, vinta tre volte. Inoltre il gemello da corsa è ad oggi terzo nel Mondiale, davanti (anche se di soli cinque punti) a Michael van der Mark che è stato confermato.

TEN KATE IN POSIZIONE DI FORZA

A questo punto la trattativa non è tanto sul nome, ma sulle condizioni economiche e tecniche che regoleranno l’arrivo di Alex Lowes in Ten Kate. Gli olandesi, abili strateghi, si sono messi in condizione di forza. Chiedono che Yamaha Europa si faccia carico dell’ingaggio del pilota e assicurino una fornitura tecnica da “factory team”. Per Alex Lowes dunque cambierebbe poco, quasi niente. Anzi con Ten Kate avrebbe meno pressione.

YAMAHA A POSTO

Se l’affare Lowes-Ten Kate va in porto, la Yamaha avrebbe già completato il mega schieramento di sei piloti nella Superbike 2020. Ricapitolando: Yamaha Pata World Superbike avrà Michael van der Mark (confermato) e Toprak Razgatlioglu (adesso in Kawasaki Puccetti); Ten Kate Yamaha punta su Loris Baz (confermato) e Alex Lowes; GRT Yamaha ha già firmato Federico Caricasulo e probabilmente confermerà Sandro Cortese, ex iridato che con una stagione d’esperienza l’anno prossimo è atteso al salto definitivo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport

Toprak, Yamaha

Andrea Dosoli: “Visto? Toprak è già veloce anche con Yamaha”

Lucas Mahias

Lucas Mahias, il debutto in MotoE gli costa un dito mignolo