Superbike, Jonathan Rea

Superbike: Jonathan Rea, stavolta a Misano il supergiro non basta (VIDEO)

In questo on board possiamo apprezzare la strepitosa guida di Jonathan Rea a Misano, dove ha vinto 8 volte. Ma contro Scott Redding non è bastato

30 giugno 2020 - 18:28

Jonathan Rea ha concluso il test Superbike a Misano al secondo posto con un tempo di 1’33″206, sfiorando il best lap di Scott Redding di 0,139 secondi (qui tutti i tempi). Una caduta nella prima giornata ha costretto la sua squadra a lavori extra e ha tolto un po’ di smalto alla sua prestazione. “È stato strano ritrovare il   ritmo dopo una lunga pausa. Questo all’inizio mi ha dato alcuni problemi, a dire il vero. Le mie abilità di motocross erano piuttosto buone a Phillip Island, ma qui ho esaurito il talento“, ha scherzato il nordirlandese, alludendo al fuoripista al primo giro dal quale si era miracolosamente salvato. A Misano non c’è stato verso. “Ha graffiato il mio ego“.

Johnny ha lavorato su diverse geometrie, pochi gli aggiornamenti da testare. Il nuovo asfalto di Misano ha costretto il pentacampione di Superbike a modificare qualcosa nel suo stile di guida. “Abbiamo modificato il set-up, non mi sentivo ancora al 100 percento. Dopo sei o sette giri, mi sentivo più a mio agio. Con le gomme da corsa ero molto veloce e avevo abbastanza fiducia per spingere“.

Con la gomma da qualifica, Jonathan Rea era 1,5″ più veloce dell’anno scorso, un buon segnale per il veterano che punta al sesto titolo iridato. C’è però da considerare che con il nuovo asfalto i riferimenti del passato ormai non valgono: sono stati letteralmente disintegrati. Prossimo appuntamento l’8 e il 9 luglio in Catalunya per un altro test prima dell’inizio del WorldSBK, che riprende il 1 agosto da Jerez (Spagna) Ancora una volta viaggerà in furgone insieme alla moglie Tatia e ai due figli. Un autentico tour per contrastare le restrizioni di viaggio a causa dell’emergenza Coronavirus.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Marco Melandri

Superbike: Leon Camier addio Ducati, arriva Marco Melandri

Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea esalta Marc Marquez: “Uno così meglio non averlo contro”

Superbike, Tom Sykes

Superbike: Tom Sykes sbotta “Se la BMW fosse veloce, io vincerei”