Scott Redding

Scott Redding show, uno così farebbe impazzire la Superbike

L'ex della MotoGP sta dominando il BSB ma soprattutto si sta rivelando un'autentica star. Per la top class sarebbe un'acquisto fantastico

22 luglio 2019 - 20:00

Scott Redding è uno spettacolo. In pista, fuori, sui social: dovunque. L’ex della MotoGP sta sbaragliando il British Superbike: sei vittorie in tredici gare, senza aver mai visto gran parte delle piste. Come quella di Snetterton, dove domenica ha centrato una folgorante doppietta, scattando dalla pole (qui la cronaca). Ad oggi non ha fatto errori, considerando che l’unica caduta in gara, nell’apertura di Silverstone, è stata causata da un contatto con altro pilota. Con SR45 la nuova Ducati V4R sta prendendo letteralemente il volo, anche in configurazione BSB. Cioè senza controlli elettronici, la centralina unica MoTec, lo scarico Termignoni (con limite a 105 decibel invece di 115 come nel Mondiale), e soprattutto gli stessi giri del modello stradale. Nel British la Rossa non può superare i 16 mila giri, mentre nel Mondiale l’attuale limite è 16100 ma nei tre round d’apertura del campionato era 16.350. Nove gare, tutte vinte da Alvaro Bautista.

REDDING SHOW

Ma Scott fa spettacolo anche fuori. Alla vigilia di Snetterton si è presentato all’incontro coi tifosi senza maglietta, e – preso dall’entusiasmo – si è letteralmente gettato fra le braccia della folla. Salvo poi ritornare sul palco, urlando come non ci fosse domani (qui il video). Anche in pista, dopo la doppietta, ha festeggiato da star. In moto, nel giro d’onore, è impazzito di gioia, poi si è fermato davanti ad una delle tribune (gremitissime) lanciando l’abbigliamento. Ve lo immaginate un tipo così nel Mondiale? Farebbe furore…

PIANO B

Alvaro tergiversa sul rinnovo. La proposta che Ducati aveva messo sul tavolo fin dal round di Misano, un mese fa, è tornata a Bologna senza firma e con la cifra abbondantemente corretta al rialzo. Sullo schieramento 2020 ci sono solo due piloti confermati: Rea in Kawasaki e Davies in Ducati. E’ chiaro che Alvaro Bautista abbia alternative, economicamente tutte probabilmente più allettanti dell’offerta Ducati. Ma anche l’azienda ha un piano… Redding.

 

2 commenti

fabu
14:11, 23 luglio 2019

lanciando l’abbigliamento? ha poi buttato solo i guanti…và, dai, Frankie Chili, fagli vedere come si fa…

Katana05
13:34, 23 luglio 2019

Comprendo e sottoscrivo l’entusiasmo per il BSB, ma non bisogna far filtrare l’impressione che il livello sia lo stesso del WSBK. Haslam, che in Inghilterra dominava, nel mondiale annaspa e il rinnovo sembra già una chimera. Probabilmente un Redding nella squadra Aruba non sarebbe così irresistibile come lo è ora. E poi basta guardare gli anni insieme in MotoGP per capire che Redding non è Bautista. Neanche un pò. Ducati farebbe bene a coprire d’oro lo spagnolo e a convincerlo a restare dove stà, se veramente vuole tornare a vincere.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott Redding

Superbike: Scott Redding “Ducati ha tutto per vincere”

Raffaele De Rosa

Supersport: Super team MV Agusta, resta Raffaele De Rosa

Leon Camier, Superbike

Superbike: Leon Camier “Non ho bisogno di un nuovo intervento”