Scott Redding

Superbike, Scott Redding senza freni: “Io corro per vincere”

Il ducatista non nasconde di avere propositi assai bellicosi. Le novità non gli fanno paura, Jonathan Rea neanche. Come finirà?

27 febbraio 2020 - 8:31

Scott Redding non ha  paura di esporsi. A poche ore dalle prime prove della Superbike 2020 ripete lo stesso proclama delle ultime settimana: “E’ inutile nascondersi, siamo qui per vincere.” Il britannico continua a lanciarsi senza rete, pur non avendo ancora  tastato il polso ai nuovi avversari, e in particolare a Sua Maesta Jonathan Rea, da cinque anni iridato e dominatore dei test invernali. Ragazzo incauto o soltanto onesto?

SCOTT REDDING DICE QUELLO CHE PENSA

Il 27enne britannico, semplicemente, dice quello che pensa. Senza filtri, senza frasi in politichese. Evitando la pretattica. Si sente bene, ha una gran moto e una squadra da sogno. Logico che stia pensando al massimo risultato. E lo dice. Operazione rischiosa, ma in puro stile Superbike. Qui la gente ama i piloti genuini, che non si tirano indietro. In attesa di vedere cosa combinerà in pista, Scott Redding sta tenendo aperto il gas anche nel paddock.  “Sono molto eccitato per questa nuova avventura. Le sensazioni sono state estremamente positive fino a questo momento. Il feeling con la moto è eccellente e il rapporto con la squadra è straordinario. Chiudere sul podio sarebbe molto bello, vincere sarebbe fantastico. Questo è ciò che vorrei ottenere dal primo week end in Superbike”. Vi è chiaro il messaggio?

RISCHIO ALTISSIMO

Ci viene il sospetto che, per parlare così, Scott Redding sia consapevole di avere un potenziale molto più alto di quello che la Ducati ci ha fatto vedere durante i test invernali, e in particolare qui a Phillip Island. Perchè, stando ai dati, Jonathan Rea partirà largamente favorito. E per le altre posizioni del podio c’è una lista di candidati lunga quanto mezzo elenco degli iscritti. Per altro Redding avrà pure lo svantaggio di dover correre con Pirelli assai più dure di quelle che ha sperimentato nel British Superbke. “Anche la Superpole Race sarà una novità per me, ma ci sono ancora molte cose che devo imparare e cercherò di apprenderle più velocemente possibile.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz, il motore Yamaha 2020 arriverà dopo lo stop forzato

Superbike, Michael van der Mark

Superbike, Olanda in agosto piace a van der Mark: “Stavolta non nevicherà”