Fores Kawasaki Puccetti Superbike

Superbike, Xavi Forés: “Finalmente percorsi molti giri sulla Ninja”

Xavi Forés chiude due giorni di test impegnativi in Australia. Il pilota Kawasaki Puccetti non al 100% con la sua Ninja, ma "abbiamo una buona base di partenza."

26 febbraio 2020 - 10:55

Tanto lavoro, soprattutto parecchi chilometri in sella alla sua Ninja. Xavi Forés si dichiara soddisfatto soprattutto per questo, visto che in questo modo ha potuto continuare il processo di adattamento alla sua nuova moto. L’alfiere Kawasaki Puccetti Racing ha trovato così una buona base da cui partire per il primo round Superbike della stagione. Siamo ormai molto vicini: qualche giorno di riposo ed arriva la tappa inaugurale del 2020, in programma dal 28 febbraio al 1° marzo.

Due giornate intense, con un acquazzone nella notte che però non ha condizionato particolarmente i lavori. Xavi Forés ha chiuso il primo giorno con un crono di 1:32.414 ed il 13° posto in classifica. In seguito, dopo l’attesa per la pista umida, il pilota di Manuel Puccetti è tornato in pista, stampando un 1:32.312 in mattinata come miglior crono. Nel pomeriggio però lo spagnolo ha limato ancora il suo tempo, chiudendo 10° grazie ad un 1:31.653, un tempo che poi gli è valso il 14° posto in classifica combinata.

“Abbiamo svolto una grossa mole di lavoro” ha detto Xavi Forés. “Il mio feeling con la moto non è ancora al 100%, ma ho potuto finalmente percorrere molti giri sulla mia Ninja, quello che mi era mancato sino ad ora. Questa pista mi piace, sono sempre andato forte. In questi due giorni ho cercato di adattare il mio stile di guida e di modificare il set up secondo le mie esigenze. Non ci siamo interessati più di tanto ai tempi, ma mi sono sempre migliorato. Abbiamo trovato una buona base di partenza, sulla quale lavorare nel prossimo weekend di gare.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike: “Kawasaki vuole tenersi Jonathan Rea, lui vuole restare”

Superbike

Superbike: “Correre il Mondiale a porte chiuse per noi è insostenibile”

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”