Xavi Fores Superbike Kawasaki Puccetti Racing

Superbike, Xavi Forés: “Un fine settimana sfortunato”

Xavi Forés lascia l'Australia dopo un round ricco di episodi sfortunati. "La parte positiva è che abbiamo trovato un buon assetto per andare forte."

2 marzo 2020 - 7:50

Quello a Phillip Island non è stato sicuramente il round più fortunato per Xavi Forés. L’alfiere di Manuel Puccetti infatti non raccoglie quanto avrebbe potuto. Dopo la caduta in Gara 1, i problemi di altri piloti in Superpole Race e Gara 2 gli permettono di chiudere solo appena fuori dalla top ten, in rimonta. Lascia il primo appuntamento stagionale con uno zero, un 12° ed un 11° posto, determinato a rifarsi con gli interessi in futuro.

Come detto, la competizione del sabato si era conclusa anzitempo per un incidente. Nonostante l’ottima partenza in Superpole Race, della distanza di 10 giri, non c’è il feeling con la sua Ninja, ma a questo si aggiunge anche un contatto con un pilota che gli fa perdere svariate posizioni. Gara 2 non va meglio: 8° nei primi giri, Forés ha dovuto evitare un avversario fermatosi di colpo quasi davanti a lui. Ne segue una lunga escursione sulla sabbia ad alta velocità: una volta rientrato è ultimo, ma riesce a risalire fino all’11° posto.

“Un weekend molto sfortunato” ha dichiarato Xavi Forés. “Per la Superpole Race avevamo apportato qualche modifica, ma non è andata come speravamo. In Gara 2 invece abbiamo cambiato qualcosa alla forcella e sono riuscito a guidare in maniera più sciolta. Al quinto giro però un pilota ha avuto un problema tecnico, fermandosi davanti a me. Per evitarlo sono uscito di pista, rientrando poi in ultima posizione. La parte positiva è che abbiamo lavorato molto e trovato un assetto che mi permette di andare forte. Ringrazio la squadra, mi ha aiutato molto.”

Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno anche Manuel Puccetti, pur ammettendo tutte le difficoltà incontrate nel corso del fine settimana. “Storicamente quella australiana non è una pista a noi favorevole” ha dichiarato il boss di Kawasaki Puccetti Racing. “Anche quest’anno purtroppo non abbiamo raccolto il frutto del grande lavoro svolto dai nostri tecnici e dal nostro pilota.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike: “Correre il Mondiale a porte chiuse per noi è insostenibile”

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”

Superbike, Loris Baz

Superbike: Loris Baz, il motore Yamaha 2020 arriverà dopo lo stop forzato