Superbike Valencia: John Hopkins “Abbiam fatto tanti progressi”

Miglioramenti vanificati in Superpole con il 16° tempo

4 aprile 2009 - 15:20

Come posizione in griglia non ci siamo. Come progressi rispetto a ieri, sì. Questa in sintesi la giornata di John Hopkins, la sua seconda da pilota ufficiale del Mondiale Superbike. Il neo-acquisto del team Stiggy scatterà domani dalla sedicesima posizione nello schieramento di partenza sebbene rispetto a ieri ha girato con più regolarità in proiezione gara. “Hopper” ha faticato soltanto nell’affiatamento con le Pirelli da tempo, come dimostra l’accesso alla Superpole arrivato proprio all’ultimo con il 20° miglior crono…

E’ stata una giornata interessante da ogni punto di vista“, afferma John Hopkins. “Sin dalla prima mattina ho dovuto cercare l’adattamento alle coperture Pirelli da qualifica, considerando che non le ho mai provati in vita mia. Purtroppo in Superpole non siamo riusciti a fare quel balzo in avanti che ci aspettavamo. Nell’ultimo turno di prove libere abbiamo fatto progressi con la moto, limitando il chattering che era particolarmente problematico. Per domani mi aspettano due gare difficili: cercherò di ottenere la miglior posizione possibile, anche se sarà difficile recuperare“.

John Hopkins a Valencia è stato in grado di salire sul podio della MotoGP (nel 2007 con la Suzuki, terzo): sarà quasi impossibile ripetersi in Superbike, ma due piazzamenti nella top ten non sarebbero da scartare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Leon Camier “Nel 2020 voglio una moto al top”

Trofei Wheelup Motoestate: 4° round a Franciacorta il 20-21 luglio

British Talent Cup, appuntamento a Snetterton