Superbike: Una Cover firmata Dischi Freno TK per Barni Racing Team

Nei test Superbike a Jerez, annullati per maltempo, il Barni Racing Team aveva portato qualche novità. Tra queste, una nuova cover aerodinamica. Vediamola da vicino.

22 gennaio 2021 - 11:36

Brutte giornate a Jerez de la Frontera per i team Superbike presenti. La pioggia purtroppo ha rovinato tutti i piani. Tra gli altri quelli del Barni Racing Team, il cui nuovo pilota Tito Rabat s’è visto solamente al box. Ora si cerca una nuova data per poter recuperare questi test perduti, per permettere allo spagnolo di iniziare l’adattamento alla sua Ducati ma anche per provare le novità in vista della stagione 2021. Una di queste riguarda i dischi freno TK.

Nello specifico, parliamo di una cover con ruota fonica integrata, realizzata appunto dal fornitore del Barni Racing Team dal 2012. L’azienda varesina infatti ha studiato e brevettato una protezione aerodinamica in grado di eliminare le turbolenze generate dalla rotazione della flangia del disco freno e del gruppo ruota anteriore. Le Cover TK sono due semi-gusci che chiudono a pacco la flangia in Ergal del singolo disco freno TK.

Si crea così un profilo perfettamente aerodinamico capace di rendere più puliti i flussi d’aria che raggiungono il radiatore della moto, le pinze e i dischi freno. I gusci sono realizzati in fibra di carbonio in modo da ottenere resistenze meccaniche elevate e leggerezza. La cover esterna del disco, inoltre, incorpora al suo interno il sensore ruota fonica che trasmette i dati di velocità della ruota anteriore. Riduce così ancora il peso ed integra un sensore essenziale per la telemetria della moto.

“La nostra azienda è orgogliosa di rinnovare l’impegno con il Barni Racing Team” ha dichiarato Riccardo Mariani, Amministratore Unico TK Dischi Freno. “Siamo felici di poter sviluppare insieme nuovi prodotti e soluzioni come le Cover TK. Questo è possibile grazie alla passione dei nostri tecnici, ma anche grazie a collaborazioni di alto livello come quella con il Barni Racing Team. L’esperienza che si crea durante le competizioni è il motore migliore per l’innovazione ed è essenziale per aziende italiane che si vogliono affermare nel settore moto.”

“Creare rapporti duraturi nel tempo fa parte del nostro modo di lavorare” ha aggiunto il team principal Marco Barnabò. “Credo che questo, oltre alla qualità dei prodotti, rappresenti un vero valore aggiunto. Quando si lavora con lo stesso partner da quasi dieci anni significa che si è creata una simbiosi particolare. Con TK è successo questo, siamo partiti nel 2012 con il CIV, siamo passati alla Superstock 1000 e poi al mondiale Superbike. Per me è una vera soddisfazione aver visto crescere i prodotti di questa azienda insieme al mio team.”

Foto: Barni Racing Team

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

maria herrera supersport

Supersport: María Herrera al via con Team Biblion Yamaha Motoxracing

ana carrasco

La grinta di Ana Carrasco: “Primo passo tornare a vincere, e poi…”

Tito Rabat, Superbike

Superbike: Tito Rabat di nuovo in pista, la marcia continua