Superbike: Troy Corser “Contento del week-end”

Nonostante l'occasione mancata nella prima manche

27 giugno 2010 - 15:14

E’ stato un week-end dolce-amaro per Troy Corser, il quale ha rimediato un podio in gara 1 e soltanto un decimo posto nella seconda manche, dopo aver ottenuto la pole position nella giornata di ieri. Il pilota BMW Motorrad Motorsport si rammarica molto specialmente pensando all’errore compiuto in gara 1, che ha permesso a Max Biaggi e Carlos Checa di superarlo e precederlo al traguardo, dopo che il numero 11 della squadra bavarese aveva condotto quasi tutta la corsa.

In gara 2, è stata un’entrata in folle a togliere al “Coccodrillo” un sicuro buon piazzamento. Nonostante questo, il due volte iridato Superbike ha ottenuto l’ennesimo risultato maiuscolo per sé, al secondo anno nella compagine tedesca.

“Sono molto contento per come è andato il week-end” commenta Troy Corser. “E’ stata la miglior performance del team fino ad ora, con la nostra prima pole position e il podio di gara 1. Ma allo stesso tempo sono un po’ deluso perché sentivo di avere il passo per vincere entrambe la manche. In gara uno mi sono sentito a mio agio in testa alla gara, e se non fosse stato per un errore nel finale penso che avrei terminato secondo o addirittura primo.

E’ stata tutta una questione di averci provato un po’ troppo. In gara 2 abbiamo fatto qualche cambiamento al set-up che mi desse più grip al posteriore, il che ha significato perdere un po’ di feeling all’anteriore e ciò ha inficiato la maneggevolezza della moto. Sfortunatamente al termine della corsa la moto mi è finita in folle nella seconda parte del “Tramonto”, che ha significato per me mancare il punto di frenata e finire nella ghiaia.”

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

cortese superbike

Superbike: Fratture di vertebre e tibia per Cortese, verrà operato a Faro

redding superbike

Superbike: Scott Redding, il finale di Gara 1 è stato un calvario

Andrea Locatelli, Portimao

Supersport Portimao: Andrea Locatelli cala il poker, Jules Cluzel KO