Superbike: Troy Bayliss “Come se non avessi mai smesso”

Entusiasta del ritorno in sella con la 1198

12 maggio 2010 - 13:40

Il ritorno di Troy Bayliss in sella ad una Ducati 1198 Superbike ha creato molto interesse a tutti gli appassionati. Sarà competitivo come sempre? Vuole tornare a correre? Per il momento si può rispondere con certezza alla prima domanda con l’1’51″9 spiccato oggi al Mugello, un tempo di tutto rispetto per un pilota che, come riporta il comunicato Ducati, si sente come se non avesse mai smesso di correre… “Ovviamente la pioggia ha condizionato i test ma abbiamo comunque lavorato molto“, ammette Troy Bayliss. “Probabilmente, girare prima sul bagnato, mi ha permesso di riprendere ritmo e abitudine alla pista. L’asfalto si è poi asciugato e oggi finalmente abbiamo avuto un paio d’ore di condizioni ideali. Mi sono divertito molto e spero di aver fornito ai ragazzi delle informazioni utili.

Il fatto che anche Ernesto (Marinelli, project leader Superbike) e Alessandra (Balducci, nel suo team come responsabile acquisizione dati) siano stati qui mi ha decisamente aiutato, mi sembrava di essere tornato ai “vecchi tempi”… Ammetto che, dopo un anno e mezzo di stop, avevo paura di avere dimenticato tutto, fortunatamente è stato facile tornare in sella, e dopo pochi giri, era come se non avessi mai smesso!

“. Troy Bayliss tornerà in sella alla 1198 F10 Superbike dal 10 al 13 giugno a Misano Adriatico in occasione del WDW, World Ducati Week, dove ci sarà un vero e proprio confronto con gli altri piloti ufficiali e clienti Ducati Superbike.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Scott Redding tra Superbike e MotoGP: una ‘bomba’ nel box Ducati

Superbike, Yamaha

Superbike: Yamaha corre ai ripari, c’è un problema motori come in MotoGP?

locatelli supersport

Andrea Locatelli: “Futuro? Vorrei la Superbike con Evan Bros”