Superbike: Toseland “Lavoreremo per risolvere i problemi”

Il due volte iridato resta fiducioso per l'Australia

23 febbraio 2010 - 8:42

Esteticamente la stessa, la Yamaha YZF R1 Superbike di quest’anno differisce molto rispetto alla moto Campione del Mondo con Ben Spies. Tanti cambiamenti che, inevitabilmente, hanno causato qualche problema imprevisto nel corso dei test di Phillip Island, dove i due piloti sono rimasti indietro in classifica, fuori dalla top ten. James Toseland, che in Australia ha vinto Gara 2 nel 2007, non sembra esser particolarmente preoccupato di questa situazione, sicuro e convinto che il team Yamaha Sterilgarda lavorerà per recuperare terreno.

Posso dire che sono stati due giorni di prove intensi“, ammette il due volte iridato. “Abbiamo lavorato sulla nuova moto cercando di risolvere i problemi di chattering che hanno condizionato sia me che Cal. Abbiamo provato diverse cose: ora i ragazzi del team studieranno i dati per capire dove intervenire in previsione della gara di domenica prossima“.

Fiducia quindi nelle capacità di tutto il team Yamaha Sterilgarda, confermata dalle parole di Massimo Meregalli che assicura una pronta reazione in questi giorni che separano al via della stagione 2010.

Abbiamo accusato problemi di chattering: in questi giorni che precedono la gara studieremo la soluzione ai problemi riscontrati. Siamo fiduciosi del fatto di poter dare a James e Cal la miglior moto per essere competitivi nella prima gara della stagione“, ha concluso il team manager campione del mondo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Garrett Gerloff

Superbike, Ben Spies: “A Garrett Gerloff serve un Kenan Sofuoglu”

Jack Miller

Jack Miller subito veloce con la Ducati V4 R nell’ASBK

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu: la nuova grafica del 54 + 1