Superbike, Toprak

Superbike, Toprak Razgatlioglu: “Jonathan Rea mi ha aiutato tanto”

Toprak Razgatlioglu su Box18. La vittoria a sorpresa in Australia, il rapporto con Rea, le sfide con Sofuoglu... Ecco cosa ci ha raccontato.

11 maggio 2020 - 20:06

Inizio di stagione Superbike col botto per Toprak Razgatlioglu, che a Phillip Island ha vinto Gara 1 e ha conquistato il secondo posto nella Superpole Race. Arriva uno zero in Gara 2, ma l’esordio con Yamaha è stato decisamente memorabile per il giovane astro nascente turco. Tanta determinazione ad essere protagonista una volta ripartiti dopo l’emergenza. Abbiamo avuto l’occasione di parlarci nel corso di Box18, il salotto live di Corsedimoto condotto da Fabio Nonnato.

Hai conquistato la vittoria al debutto con Yamaha. Te lo saresti mai aspettato?
Sicuramente no, io pensavo solo a partecipare. Invece è arrivato il successo, ne sono felice ed orgoglioso.

Si dice però che Phillip Island non sia determinante per capire l’andamento della stagione…
Non è stato un round vero e proprio a causa delle condizioni non ottimali. Tutti hanno incontrato vari problemi con la pista. Nelle tappe europee sarà più divertente e mi aspetto di essere molto competitivo.

Jonathan Rea sempre l’uomo da battere?
Certamente. È un pilota che mi piace tanto, mi ha aiutato molto l’anno scorso, come un amico. Ora per me è il pilota da battere.

Tu e Kenan Sofuoglu vi allenate insieme. Chi è più veloce tra di voi?
Bella domanda! Anche oggi ci siamo sfidati. Siamo sempre molto molto vicini, forse c’è solo un secondo tra noi. A vantaggio mio!

L’intervista completa a Toprak Razgatlioglu qui

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Garrett Gerloff

Superbike: Garrett Gerloff scala il podio, e se fosse solo l’inizio?

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding ci ha messo il cuore ma per il Mondiale non basta

andrea locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli Campione, una sfida rivelatasi vincente