Superbike Test Portimao: Jonathan Rea svetta nel finale

Haslam secondo, Corser sorpresa terzo

23 gennaio 2010 - 14:43

La pioggia continua sul circuito di Portimao ad incidere sulle prestazioni dei piloti, durante la sessione pomeridiana dei test ufficiali World Superbike. Per una buona oretta i giri effettuati dai piloti in pista sono limitati, complici le cattive condizioni del tracciato che non consentono un test continuativo. Verso il finale di sessione, complice una tregua meteorologica, i riferimenti cronometrici iniziano a scendere, risultando diversi secondi più veloci rispetto alla mattinata.

Il più veloce di questo turno è stato Jonathan Rea con la Honda del team Ten Kate. Il centauro dell’Ulster, a suo agio sui tracciati con condizioni miste asciutto/bagnato, riesce ad ottenere nell’ultimo giro disponibile un tempo crono di 1’49.107 mettendosi dietro quello che finora è stato il mattatore, in parte anche in questa sessione, dei turni di test finora disputati, ovvero l’inglese Leon Haslam con la Suzuki del team Alstare. Sorprende il terzo posto di Troy Corser su BMW S1000RR ufficiale, che precede un sempre competitivo Cal Crutchlow con la YZF-R1 del team Yamaha Sterilgarda e un altro inglese, Tom Sykes, con la Kawasaki ZX-10R della squadra Paul Bird Motorsport.

Si fa rivedere finalmente tra i primi Noriyuki Haga, sesto ma staccato di più di due secondi dalla vetta, seguito dall’altra BMW Motorrad Motorsport dell’iberico Ruben Xaus e dall’altra Suzuki ufficiale del transalpino Sylvain Guintoli. Max Biaggi con l’Aprilia Factory è ottavo, con il suo compagno di squadra e campione in carica BSB Leon Camier che conclude in decima posizione. Tra i due si colloca Carlos Checa con la 1198RS preparata da Althea Racing.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Infront Motor Sports Official Test Portimao
Classifica tempi secondo giorno di prove

01- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – 1’49.107 (22 giri)
02- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.284 (30 giri)
03- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.499 (29 giri)
04- Cal Crutchlow – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 1.061 (35 giri)
05- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 1.509 (31 giri)
06- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 2.060 (18 giri)
07- Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 2.063 (29 giri)
08- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.146 (35 giri)
09- Max Biaggi – Aprilia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 3.001 (29 giri)
10- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 4.747 (34 giri)
11- Leon Camier – Aprilia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 4.901 (42 giri)
12- Chris Vermeulen – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 5.709 (22 giri)
13- Max Neukirchner – Team Suzuki Alstare – Honda CBR 1000RR – + 5.722 (42 giri)
14- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 5.987 (19 giri)
15- James Toseland – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 6.371 (29 giri)
16- Vittorio Iannuzzo – Squadra Corse Italia – Honda CBR 1000RR – + 7.894 (25 giri)
17- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 – + 8.856 (9 giri)
18- Javier Fores – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 9.302 (31 giri)
19- Broc Parkes – ECHO CRS Grand Prix – Honda CBR 1000RR – + 9.789 (34 giri)
20- Roger Lee Hayden – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 10.614 (36 giri)

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”