redding superbike

Superbike, Scott Redding: “Voglio tenere vivo il campionato”

Scott Redding solo 9° nel venerdì del Teruel Round, ma è fiducioso per i turni del sabato. "Obiettivo prima fila e lotta per la vittoria."

4 settembre 2020 - 17:41

Il venerdì del Aragón Round non era stato dei migliori, e non lo è nemmeno nel Teruel Round. Scott Redding chiude 9° dopo le prime due sessioni di libere Superbike, a circa un secondo dal miglior crono stampato dal compagno di marca Rinaldi. Primi turni che lo vedono più lontano, anche se sarà da sabato che avremo un’idea più precisa dei valori in pista. L’alfiere Aruba Ducati poi è più che determinato a lottare per la vittoria, ricucendo il ritardo dal leader Jonathan Rea per tenere aperto il campionato.

“Stesso posto, stesso circuito, stessa storia” ha dichiarato Scott Redding a fine giornata. “Abbiamo provato qualcosa oggi sulla moto per migliorare il feeling: è andata un po’ meglio, ma gli altri hanno fatto passi avanti più grandi. È difficile per noi capire se le modifiche apportate ci sono davvero utili oppure o se dipende dalle condizioni della pista.” Come detto, da sabato avremo un’idea più precisa. “Personalmente sono fiducioso, possiamo ottenere un miglior piazzamento rispetto a quanto fatto la settimana scorsa.”

“Credo che le condizioni della pista siano un pochino migliorate rispetto al round precedente, ma nel pomeriggio le temperature si sono alzate molto. Se rimangono così però forse possiamo essere più costanti in termini di tempi sul giro.” Gli obiettivi del sabato? Chiaramente essere protagonista. “Per prima cosa devo provare a qualificarmi in prima fila” ha sottolineato il britannico. “È un aspetto molto importante. In Gara 1 poi voglio lottare per la vittoria: dobbiamo mantenere vivo il campionato.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea si lancia verso quota 100

Superbike, Magny Cours

Superbike Magny Cours, Gli orari in pista e le dirette SKY MotoGP HD e TV8

Superbike, Aprilia

Superbike, “Far correre l’Aprilia 1100 nel Mondiale? Non se ne parla”