Superbike: sabato a Portimao, le ultime notizie

Gli ultimi aggiornamenti dall'Autodromo do Algarve

27 marzo 2010 - 6:32

Giornata di qualifiche e Superpole oggi a Portimao per la Superbike. Alle 10:45 locali (le 11:45 in Italia) via alla conclusiva sessione di prove ufficiali, con la Superpole a seguire alle 15:00 (un’ora in più nella nostra Penisola). Nel frattempo cerchiamo di fare un pò il punto della situazione con le ultime “news” dall’Autodromo do Algarve di Portimao.

Novità tecniche: Yamaha sì, Aprilia no

L’Aprilia correrà a Portimao con lo stesso “pacchetto” di Phillip Island, lasciando nuovamente in disparte il motore con distribuzione a cascata di ingranaggi che tanto ha fatto parlare in queste ultime settimane. Discorso diverso in casa Yamaha, con novità soprattutto di elettronica per le due R1 di James Toseland e Cal Crutchlow arrivate grazie ai test disputati a Misano Adriatico la scorsa settimana.

Ducati Xerox e Ten Kate Honda già pronti per domenica

I due turni del venerdì sono serviti ai team Ducati Xerox e Ten Kate Honda per preparare le gare di domenica, con già una mini-simulazione di 10-12 giri compiuta dai quattro piloti. In Ducati soddisfatti della scelta del pneumatico posteriore, meno dell’anteriore; soddisfatti anche in Ten Kate per la resa sulla distanza, in particolare per Max Neukirchner che sta riprendendo condizione fisica e feeling in sella.

Chris Vermeulen rinuncia?

Un solo giro è bastato a Chris Vermeulen per capire di non esser pronto a correre questo fine settimana a Portimao. Troppo forte il dolore al ginocchio: non sono bastati gli accorgimenti apportati alla sua Ninja, con un abbassamento della posizione delle pedane e della sella. Il team Kawasaki potrebbe a Portimao con il solo Tom Sykes, confidando in un recupero dell’australiano per Valencia: l’ipotesi di un sostituto, al momento, non è stata presa in considerazione.

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Manuel Puccetti: “Se Toprak parte, avremo un altro top rider”

Scott Redding show, uno così farebbe impazzire la Superbike

Jonathan Rea: i giorni dell’IRA