Superbike Qatar: Tati Mercado “Ci rivediamo nel 2018”

Il pilota argentino salta l'ultimo atto in Qatar per la defezione di Iodaracing Aprilia

31 ottobre 2017 - 13:36

Leandro “Tati” Mercado non correrà l’ultima prova del Mondiale Superbike a Losail, in Qatar, per la rinuncia alla trasferta mediorientale del team Iodaracing Aprilia. Il pilota argentino ha diffuso questa nota per salutare i suoi tifosi e dare appuntamento al 2018.

“Questa stagione è stata un po’ troppo corta, è partita in ritardo (ho saltato i primi due Round per un infortunio) e finita troppo presto! Mi spiace molto non essere presente al via dell’ultima gara in Qatar per una decisione del Team di terminare la stagione con una gara di anticipo.

Nonostante questa scelta obbligata sono sereno perché so di aver dato sempre tutto quello che potevo, cercando di adattarmi il più velocemente possibile ad una moto completamente nuova. Purtroppo abbiamo saltato le prime due gare e fatto pochi test ad inizio anno, ma con la squadra abbiamo lavorato bene sfruttando al meglio ogni turno di prove togliendoci poi delle belle soddisfazioni.

Il livello delle moto ufficiali in SBK oggi è molto alto e con una moto privata è uno stimolo in più poter riuscire a far bene comunque. Si impara sempre molto quando si è obbligati a dare sempre il 110% per rimanere vicini a quelli davanti. E’ stato faticoso, ma molto divertente! L’obiettivo di questa stagione era finire nella top ten ed essere la prima Aprilia a fine campionato, ci siamo andati vicino, oggi sono 11° a soli 20 punti da Laverty (10°), ma con due gare in meno.

Non ci sarei mai riuscito senza l’esperienza della mia squadra che mi ha dimostrato di avere la mia stessa passione e crederci fino all’ultimo. Ringrazio il team IodaRacing per avermi dato questa possibilità, gli sponsor e tutti quelli che mi sono stati vicini, adesso guardiamo avanti e pensiamo al 2018!”

Tati

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Eugene Laverty su di giri: “Dopo la pausa torno a giocarmi il podio”

Walderstown fatale a Darren Keys

Tom Sykes, un altro podio: “BMW, la crescita è impressionante”