Superbike: per il 2011 Davide Tardozzi verso la Yamaha

Dopo solo un anno il divorzio con BMW Motorrad

6 settembre 2010 - 5:08

Per comprendere appieno il passaggio di Marco Melandri nel team ufficiale Yamaha World Superbike, dopo che il ravennate è stato a lungo dichiarato come possibile pilota della squadra BMW Motorrad Motorsport per il 2011, bisgona collegarlo al fondamentale passaggio che un attuale membro dello staff della compagine bavarese si appresterà a compiere al termine di questa stagione, ed il nome in questione è nientepopodimeno che quello di Davide Tardozzi.

Ravennate anche lui, aveva abbracciato la causa BMW al termine del 2009, dopo essere stato svariati anni a capo del team factory Ducati, vincendo una serie incalcolabile di titoli mondiali (l’ultimo, quello ottenuto nel 2008 con Troy Bayliss). Tardozzi, nello suo spostamento aveva portato con sé diversi italiani da affiancare al già nutrito gruppo di tedeschi facenti parte la squadra.

La stagione in corso ha visto notevoli progressi per il team Motorrad Motorsport, la rinascita di Troy Corser (con tanto di pole positione position a Misano, e terzo posto sul medesimo circuito in gara 1 ed a Monza in gara 2) e tanti motivi per ritenere l’annata già più che positiva. Nonostante questo, BMW ha deciso di fare tabula rasa del progetto messo in piedi quest’anno, riportando lo staff ad essere interamente tedesco e decidendo di non avvalersi più del ruolo di Davide Tardozzi, mettendo anche alla porta Berti Hauser. Il posto come nuovo “boss” del team verrà ricoperto da Rainer Bäumel, attuale capo tecnico.

Per questo motivo, Davide Tardozzi ha deciso così di passare al team dei tre diapason, ed è questa la ragione dell’improvviso cambio di rotta di Melandri, ufficializzato nel weekend proprio nel team ora sponsorizzato Sterilgarda.

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ducati

Superbike, la Ducati a Portimao si affida all’aerodinamica

Superbike, Scott Redding

Scott Redding tra Superbike e MotoGP: una ‘bomba’ nel box Ducati

Superbike, Yamaha

Superbike: Yamaha corre ai ripari, c’è un problema motori come in MotoGP?