Superbike: passo indietro per la Kawasaki a Miller?

Solo qualche punto per Chris Vermeulen e Tom Sykes

3 giugno 2010 - 4:08

Lo scorso anno al Miller Motorsports Park la Kawasaki disputò il miglior week-end della stagione, con Broc Parkes e Jamie Hacking addirittura qualificati per la Superpole-3 rispettivamente in settima e ottava posizione. Non è andata così lunedì scorso, con il team ufficiale Paul Bird Motorsports indietro in classifica lottando soltanto per la zona punti. Tom Sykes, reduce da due positive trasferte a Monza e Kyalami, non è andato oltre un 13° ed un 14° posto; Chris Vermeulen, in ripresa sul piano fisico (sarà vicino al 100 % soltanto a Misano Adriatico), ha portato a casa complessivamente 4 punti, frutto della 15° e 13° posizione conquistate nelle due gare.

Un passo indietro per le Kawasaki? Confrontando i tempi sul giro rispetto al 2009 i piloti sono riusciti a migliorarsi, ma lo “step” compiuto dalla concorrenza e l’innalzamento del livello di competitività ha lasciato al team ufficiale di Akashi soltanto qualche punticino e dei progressi evidenti, ma non sufficienti, nei tre giorni al Miller Motorsports Park.

Ormai in Kawasaki si guarda avanti alla stagione 2011: saranno confermati piloti, gestione del Paul Bird Motorsport con l’innesto di qualche tecnico arrivato direttamente dal Reparto Corse Kawasaki Racing.

Ci sarà la nuova Ninja ZX-10R con lo sviluppo che sta proseguendo a pieno ritmo in Giappone, con Akira Yanagawa (vincitore, tra l’altro, dell’ultima prova dell’All Japan Superbike ad Autopolis davanti ai piloti ufficiali di Honda e Yamaha) già impegnato in diverse sessioni di prove.

I piloti titolari Kawasaki Racing Team della Superbike prenderanno contatto con la moto probabilmente nel mese di agosto, poco prima della presentazione ufficiale prevista per il mese di settembre.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”