Superbike Monza Prove Libere 1: Crutchlow all’ultimo secondo

Miglior tempo davanti a Fabrizio e Rea

7 maggio 2010 - 10:01

Non è mancato nulla per render interessante la prima sessione di prove della Superbike all’Autodromo Nazionale di Monza. Tre diversi capoclassifica, una leggera e fastidiosa pioggerellina nel tratto più lontano ai box, il nuovo primato di velocità massima per le derivate di serie. Da dove cominciamo? Dall’ultimo secondo, quando Cal Crutchlow è stato in grado di spiccare il miglior tempo in 1’43″758, riuscendo a prevalere per soli 86/1000 su Michel Fabrizio, leader nei conclusivi 10 minuti della sessione dopo aver tolto il comando a Jonathan Rea, a lungo dominatore della sessione.

L’iridato Supersport in carica fa valere le doti velocistiche della Yamaha R1 edizione 2010, con 228cv dichiarati e 312 km/h in rettilineo. C’è chi ha fatto di meglio, e non è una sorpresa: Max Biaggi con 326.9 km/h segna il nuovo record per la categoria, in sella alla Aprilia RSV4 Factory #3. Primato e sesto tempo assoluto, preceduto dal terzetto di testa (Crutchlow, Fabrizio, Rea), ma anche da Leon Haslam e James Toseland. A proposito del pilota Alstare, per lui una breve sosta ai box per un presunto problema tecnico, che non gli ha pregiudicato il recupero cronometrico nel finale di sessione.

Un’ora di attività combattuta con la top ten racchiusa in 8/10, viaggiando oltre i 315 orari (guarda un pò, anche le Ducati: Michel Fabrizio 319 km/h…), infastiditi da qualche gocciolina di pioggia, segnalata dove il circuito si snoda nel Parco di Monza dal Curvone Biassono alla Ascari, senza tuttavia crear problema alcuno ai piloti. Lo sarà, probabilmente, nel pomeriggio: nuvoloni minacciosi all’orizzonte.

Tornando alla cronaca, nella top ten anche le BMW di Corser (7°) e Xaus (9°), dove spunta Max Neukirchner con il decimo crono. Undicesima è la Kawasaki di Tom Sykes davanti a Noriyuki Haga, 15° Carlos Checa a preceder Luca Scassa (fermato da un problema tecnico) ed il compagno di squadra Shane Byrne, scivolato. Caduta anche per Daisaku Sakai, all’esordio con Yoshimura Suzuki. Risalito in sella il vincitore della 8 ore di Suzuka 2009 ha ottenuto il 21° crono: l’obiettivo resta l’accesso alla Superpole.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Monza, Classifica Prove Libere 1

01- Cal Crutchlow – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – 1’43.758
02- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 0.086
03- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 0.246
04- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.285
05- James Toseland – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 0.432
06- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 0.501
07- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.658
08- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 0.731
09- Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.789
10- Max Neukirchner – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 0.839
11- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 1.011
12- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 1.193
13- Jakub Smrz – Team PATA B&G Racing – Ducati 1198 – + 1.337
14- Lorenzo Lanzi – DFX Corse – Ducati 1198 – + 1.448
15- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 1.641
16- Luca Scassa – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 1.821
17- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 – + 2.256
18- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.333
19- Broc Parkes – ECHO CRS Honda – Honda CBR 1000RR – + 2.506
20- Chris Vermeulen – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 2.660
21- Daisaku Sakai – Yoshimura Suzuki Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.981
22- Roger Hayden – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 3.054
23- Matteo Baiocco – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 3.166
24- Vittorio Iannuzzo – S.C.I. Honda Garvie Image – Honda CBR 1000RR – + 3.364

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”