Superbike Monza Gara 2: doppietta per Max Biaggi

Ora insegue a 3 punti da Haslam in classifica

9 maggio 2010 - 12:23

Tutti le premesse per una lotta a due nella seconda manche sono andate a perdersi all’inizio del tredicesimo giro quando Cal Crutchlow, ravvicinato inseguitore del leader della corsa Max Biaggi, ha accusato problemi tecnici alla sua YZF-R1 ufficiale, finendo per perdere l’anteriore nel cambio di direzione della Prima Variante. Quella che fino a quel momento era stata una lotta serrata tra i due piloti, si è trasformata repentinamente in un assolo di Max Biaggi. Il pilota romano è partito, come suo solito, divinamente dallo schieramento di partenza, seguito da vicino dall’australiano del team BMW Motorrrad Motorsport Troy Corser e da un sorprendente Tom Sykes.

Allo start è riapparso il fantasma dell’incidente dello scorso anno, con protagonisti questa volta Ruben Xaus, Jonathan Rea e James Toseland. Per quest’ultimo si tratta di commozione cerebrale, mentre  lo sfortunato nord-irlandese del team Honda Ten Kate ha rimediato una distorsione alla caviglia. Fuori dai giochi anche Michel Fabrizio, caduto con la sua 1198 F10 durante la seconda tornata.

Al quinto passaggio Haslam ha provato il sorpasso su Biaggi alla Roggia: tentativo andato a buon fine, sebbene Biaggi è poi tornato in testa al termine dello stesso in fondo al rettilineo. Due punti chiave della corsa sono stati rappresentati dall’errore di Haslam al nono giro, che ha tolto il britannico dalla lotta per la vittoria, e per l’appunto l’uscita di scena di Crutchlow. Grazie a tutto ciò, e ad una RSV4 stratosferica sul circuito brianzolo, Max Biaggi ottiene la seconda doppietta stagionale, arrivando a sole tre lunghezze dall’ancora leader della classifica piloti Leon Haslam.

“Pocket Rocket” è riuscito comunque a terminare la gara in seconda posizione, davanti alla S1000RR di Troy Corser, che regala alla compagine bavarese il tanto agognato primo podio della sua storia in Superbike. Quarto l’inglese Leon Camier con la seconda Aprilia Alitalia davanti ad un incredibile Tom Sykes, autore di un risultato pazzesco in sella alla Kawasaki ufficiale dopo un week-end speso sempre nella top 10.

Conclude in sesta posizione Noriyuki Haga con la prima Ducati in pista, quella del team ufficiale Xerox, precedendo il francese Sylvain Guintoli con la seconda “Gixxer” Alstare e quattro piloti Ducati satellite, guidate in ordine da Jakub Smrz, Shane Byrne, Luca Scassa e Carlos Checa.

Primi punti per l’americano Roger Hayden con la Kawasaki Pedercini, mentre per il compagno di squadra Matteo Baiocco si tratta di ritiro, così come per il pilota del team DFX Corse Lorenzo Lanzi.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Monza, Classifica Gara 2

01- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – 18 giri in
02- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.547
03- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 5.469
04- Leon Camier – Aprilia RSV4 Factory – + 10.267
05- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 15.561
06- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 15.816
07- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 15.861
08- Jakub Smrz – Team Pata B&G Racing – Ducati 1198 – + 20.977
09- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 – + 21.920
10- Luca Scassa – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 21.974
11- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 27.152
12- Max Neukirchner – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 29.315
13- Chris Vermeulen – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 30.858
14- Roger Hayden – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 47.160
15- Broc Parkes – ECHO CRS Honda – Honda CBR 1000RR – + 48.824

Valerio Piccini

Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Can Oncu

Superbike, ad Aragon il 17enne Can Oncu assaggia la top class (VIDEO)

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea può fare la differenza anche ad Aragon?

Superbike, Alex Lowes

Superbike: Test Aragon giorno 2, tempi alle 13:30 Il guizzo di Alex Lowes