Superbike Misano: Chaz Davies, l’ultima chiamata per Mondiale e rinnovo

Il gallese a -75 punti da Jonathan si gioca le residue speranze iridate sulla pista di casa Ducati

3 luglio 2018 - 15:12

Chaz Davies e la Ducati si giocano a Misano le residue possibilità di tenere in vita il Mondiale. Con un distacco di 75 punti (tre gare piene…) da Jonathan Rea il gallese non ha altra possibilità che attaccare a testa bassa, sperando in un passo falso del fuoriclasse Ducati. Dopo la seconda gara italiana la Superbike andrà in vacanza fino a metà settembre e mancheranno appena quattro round (8 gare) per complessivi 200 punti in palio. Davies è reduce dal doppio secondo posto di Laguna Seca (doppietta di Rea). Qui gli orari in pista e TV, qui i biglietti e le offerte disponibili. Qui il concorso premio “indovina chi vince”

Dopo un weekend concreto a Laguna Seca, non vedo l’ora di tornare in azione a Misano” assicura Chaz Davies, ancora in trattativa per il rinnovo con la Rossa.  “Mi piacciono molto sia la pista che l’atmosfera che la circonda, dal momento che ci sono sempre tanti tifosi Ducati.  Credo che i risultati ottenuti a Misano fin qui non siano stati rappresentativi del nostro potenziale, anche se forse la pista non è proprio la più adatta a noi. Negli ultimi anni siamo stati competitivi, ed abbiamo sempre avuto un buon ritmo. Per esempio, l’anno scorso eravamo in testa alla gara prima dell’incidente all’ultimo giro. Sarà un weekend caldo, dove la gestione delle gomme sarà molto importante. Sarà fondamentale anche ottenere un buon risultato per mantenere lo slancio durante la pausa estiva, quindi speriamo di usare il fattore campo a nostro favore”.

Misano Superbike I biglietti e le offerte disponibili

Concorso a premi: Indovina chi vince

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yuichi Takeda

Il ritorno di Yuichi Takeda: in Superbike è ancora recordman

Superbike Chaz Davies

Superbike, Chaz Davies resta in Ducati: sarà coach del team Aruba

Toprak Razgatlioglu

Razgatlioglu punta al bis Superbike: “La MotoGP non è il mio sogno”