Superbike Miller Gara 2: Max Biaggi fa doppietta, 1° in classifica

Leon Haslam vola a terra, Checa fermato dalla moto

31 maggio 2010 - 20:31

Max Biaggi vince anche gara 2 sul circuito di Miller Motorsports Park, ottenendo il sesto successo della stagione, la terza doppietta dell’anno e la decima vittoria in Superbike. Ma quello che conta ancor di più per il pilota di casa Aprilia Alitalia, è l’essersi appropriato della vetta della classifica piloti grazie anche alla caduta all’ottavo giro di Leon Haslam, che ha perso il posteriore della sua Suzuki Alstare al “Black Rock Hairpin” (l’inglese non cadeva dalla seconda manche 2009 di Portimao). Quindici sono ora le lunghezze di vantaggio del “Corsaro” (nella foto Crash.net) sul diretto inseguitore per il titolo, dopo gli altrettanti che aveva di svantaggio ad inizio week-end. E’ doppietta anche per quanto riguarda il team diretto da Gigi Dall’Igna, la prima in Superbike, visto l’ottimo secondo posto ottenuto da Leon Camier, che porta la casa italiana in testa anche alla classifica costruttori.

Stesso destino della gara rispetto alla prima manche, visto il medesimo epilogo occorso al leader di inizio gara Carlos Checa, fermato dall’ennesimo problema tecnico alla 1198 F10 Althea Racing, questa volta nel corso dell’ottava tornata, che è risultata quella di svolta per il cambio di equilibri all’interno di questa stagione Superbike.

Completa il podio Cal Crutchlow con la Yamaha YZF-R1 Sterilgarda, autore di un grandissimo recupero dopo il non certo ( e non è una novità ) esaltante scatto dallo schieramento di partenza. Quarto è il primo pilota Ducati, il giapponese Noriyuki Haga, che conclude bene un fine settimana che può rilanciare un’annata difficile. “Nitronori” ha preceduto un competitivo Troy Corser con la BMW ufficiale, il quale deve ancora affrontare i cali di prestazioni della sua S1000RR da metà gara in poi, il francese Sylvain Guintoli in sella alla GSX-R 1000 K10 Alstare e l’inglese Shane “Shakey” Byrne, autore di una buona rimonta.

Deludente prestazione per il britannico di casa Honda Ten Kate Jonathan Rea, incapace di restare col gruppetto in lotta per il podio e altra performance negativa per Michel Fabrizio con la seconda Ducati Xerox. Parlando dei piloti di Borgo Panigale, impietoso è stato il verdetto per Jakub Smrz, fermato ancora una volta da problemi tecnici, in questa occasione al terzultimo giro di gara.

Caduta anche per James “Giacomino” Toseland, scivolato nel corso della quindicesima tornata, ironicamente alla curva denominata “Knock-out”. Concluso nel peggiore dei modi il week-end Kawasaki Pedercini, con entrambi i piloti ritirati. Per il centauro di casa Roger Hayden si tratta di un’amara uscita di scena, in quella che poteva risultare la migliore performance stagionale.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Salt Lake City, Classifica Gara 2

01- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – 21 giri in 38’17.842
02- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 5.899
03- Cal Crutchlow – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 7.363
04- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 8.842
05- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 9.473
06- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 12.293
07- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 – + 12.483
08- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 15.959
09- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 – + 18.897
10- Luca Scassa – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 20.372
11- Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 26.823
12- Max Neukirchner – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 30.344
13- Chris Vermeulen – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 33.337
14- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX 10R – + 38.772
15- Broc Parkes – ECHO CRS Honda – Honda CBR 1000RR – + 44.994

Valerio Piccini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata