Superbike, Michael Rinaldi

Superbike, Michael Rinaldi: “Puntiamo a migliorare in Superpole Race”

Michael Rinaldi chiude 6° in gara-1 Superbike a Jerez. Il pilota Ducati punta a migliorare in Superpole Race per avvicinarsi al podio.

1 agosto 2020 - 20:40

Michael Ruben Rinaldi ha chiuso gara-1 di Superbike a Jerez con un buon sesto posto. Partito dalla decima pizza ha recuperato posizioni importanti in sella alla sua Ducati V4-R di Go Eleven. Merito anche del lavoro svolto nella FP3 sia in ottica gomme che sul setting. Nonostante qualche sbavatura nelle qualifiche in gara è uscito il vero carattere del pilota romagnolo.

Michael Rinaldi non sembra patire troppo le alte temperature, sorpassa dubito Chaz Davies alla partenza, ma nella mischia del primo giro perde poi alcune posizioni. A suon di staccate si avvicina l gruppo di testa, lascia sul posto sia Van Der Mark che le due Honda HRC di Haslam e Bautista e si lancia all’inseguimento dei primi cinque. Da metà gara è costantemente il più veloce in pista, riuscendo a dimezzare il suo distacco.

Sesta piazza, prima Ducati privata al termine e secondi (dietro Loris Baz) nella classifica Independent Team. Domani, con una buona Superpole Race, l’obiettivo sarà quello di partire qualche fila più avanti. Intanto il team Go Eleven si gode uno dei migliori risultati nel Mondiale Superbike. “Sono contento per la Gara perchè abbiamo tenuto un ottimo passo, ma rimane un po’ di rammarico per la qualifica, in Superpole non ho avuto un buon feeling con la gomma e non sono riuscito a sfruttarla al meglio. Partendo decimi abbiamo perso tempo nei sorpassi e ciò ha creato gap con i primi. L’ho ridotto, ho spinto al 100%, ci siamo arrivati vicini ma era impossibile fare di più per andarli a prendere. Domani proviamo a fare un’ottima Superpole Race – conclude Michael Rinaldi – in modo da partire più avanti!“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

rinaldi superbike

Superbike, Michael Rinaldi: “Sorpreso dalla Ducati Panigale V4 R 2020”

Superbike, BMW

Superbike: van der Mark in BMW e Davies a piedi, che senso ha?

Superbike: Andrea Locatelli, primo contatto con la R1. “Moto bella e potente!”