cavalieri superbike

Superbike, l’occasione di Samuele Cavalieri: “Da sfruttare, senza pressione”

Samuele Cavalieri verso il debutto stagionale nel Mondiale Superbike. "Sfruttare al massimo questa opportunità." Barnabò: "Se la merita."

17 settembre 2020 - 10:19

Il Barni Racing Team si presenta all’esordio a Barcellona con un nuovo pilota. Samuele Cavalieri, ‘promosso’ dal CIV Superbike al posto di Melandri, è al debutto stagionale, ma non assoluto. Ricordiamo per lui la wild card a Misano 2019, ma conosce anche la pista per i trascorsi nel CEV Moto2, seppur con un layout leggermente diverso. Una bella occasione da sfruttare per il 23enne emiliano, attualmente secondo nel Campionato Italiano: tanta voglia di imparare e di fare bene in questo appuntamento mondiale.

“So di dover sfruttare al massimo questa opportunità” ha dichiarato Samuele Cavalieri, che anche in WorldSBK manterrà il suo numero #76. “Ma senza sentirmi troppo sotto pressione. Conosco questa pista per averci gareggiato nel CEV quattro anni fa, ma il tracciato era diverso nella parte finale.” Stesso team con cui corre nel CIV, ma la moto cambia sensibilmente. “Non sono mai salito sulla Panigale V4 R in questa versione. Voglio fare un passo alla volta, senza pormi nessun obiettivo.”

Marco Barnabò, boss della squadra, non vede l’ora di vedere cosa può fare il suo nuovo pilota nel Mondiale Superbike, pur conscio dell’altissimo livello che incontrerà. “Samuele sta andando molto bene nel Campionato Italiano” ha commentato, sottolineando che “Conosciamo bene il suo potenziale, merita questa opportunità. Naturalmente nel WorldSBK sarà tutto diverso: sia la moto e che il livello di competizione. In queste gare avrà l’opportunità di fare esperienza affrontando i migliori piloti del mondo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea si lancia verso quota 100

Superbike, Magny Cours

Superbike Magny Cours, Gli orari in pista e le dirette SKY MotoGP HD e TV8

Superbike, Aprilia

Superbike, “Far correre l’Aprilia 1100 nel Mondiale? Non se ne parla”