Superbike: Leon Haslam “Voglio restare qui, niente Moto2”

L'inglese è determinato e scarta l'ipotesi Moto2

12 agosto 2009 - 4:30

Uno dei protagonisti del mercato piloti in questa pausa estiva del mondiale Superbike è l’inglese Leon Haslam che attualmente occupa la sesta posizione nella classifica generale del campionato. Lo scorso anno le ottime prestazioni durante le gare da wild-card con il team HM Plant BSB nei round di Brands Hatch e Portimao gli garantirono una sella per questa stagione al team Stiggy Racing, sulla cui Honda è stato autore finora di gare di diverso genere, conquistando 4 podi (due secondi e due terzi posti) e commettendo forse qualche errore di troppo. Adesso, a quattro gare dalla fine, Haslam si appresta a cercare una sistemazione per la prossima stagione ammettendo l’intenzione di voler rimanere con l’attuale squadra anche per la stagione 2010 nonostante le interessanti proposte di altri top team WSBK. Il team Stiggy Racing dal canto suo, se le indiscrezioni saranno confermate, entro fine mese dovrebbe annunciare il cambiamento di marca e passare da Honda a Yamaha. Quest’annuncio potrebbe essere un fattore determinante nella decisione di Leon che si vedrebbe fornire così una competitiva R1, costantemente sul podio con Spies quest’anno.

“C’è una clausola nel mio attuale contratto per la quale non posso trattare con altri team in questo periodo della stagione, ma ci sono stati alcuni contatti. C’è interesse nei miei confronti da parte di Ten Kate Honda, Alstare Suzuki, PBM Kawasaki e di alcune squadre della Moto2”, ha confidato Leon a MCN.

Quella 2009 è stata una stagione di riadattamento al mondiale Superbike per Haslam che già ci aveva corso nel 2004 su una Ducati 999RS (terzo sul podio nel round tedesco di Oschersleben) e che vede proprio qui il suo futuro.

“Voglio rimanere in Superbike, non passare alla Moto2. Voglio vincere il campionato quindi ho bisogno di prendere la decisione giusta che mi permetta di farlo. Adesso sono ancora concentrato su questa stagione, è il primo anno con il team Stiggy Racing e finora abbiamo raccolto dei buoni risultati”, prosegue determinato Leon. “I miei obiettivi stagionali sono essere il miglior pilota privato, il miglior pilota inglese e il miglior pilota Honda e tutti e tre sono ancora realizzabili. Per assurdo potrei migliorare a tal punto da poter vincere il campionato!”

D’altra parte con 146 punti di distacco dal leader di classifica Haga e 4 round ancora da disputarsi (200 punti in palio), la matematica ancora non lo ha tagliato fuori dalla lotta per il titolo!!

Silvia Lavezzo

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Eugene Laverty su di giri: “Dopo la pausa torno a giocarmi il podio”

Walderstown fatale a Darren Keys

Tom Sykes, un altro podio: “BMW, la crescita è impressionante”