camier superbike 2020

Superbike, Leon Camier: “Spalla non in buone condizioni”

Prime libere difficili per Leon Camier: la spalla continua a dare problemi. "Ha molto dolore" ha confermato il boss Barni, Marc Barnabò.

28 febbraio 2020 - 10:31

A Phillip Island si chiude una prima giornata difficile per Leon Camier ed il Barni Racing Team. Strascichi dell’infortunio alla spalla sinistra accusato a novembre stanno condizionando il round inaugurale del 2020. Saltate le FP1 su pista bagnata per non correre rischi, il britannico ha poi messo a referto 13 giri nelle FP2 asciutte. Chiude con un miglior crono in 1:32.649, che vale il 17° posto in classifica combinata.

Un risultato non troppo soddisfacente per la squadra di Marco Barnabò, che però deve soprattutto fare i conti con le condizioni fisiche di Camier, ben lontane dall’essere perfette. A questo aggiungiamo la mancanza di confidenza del pilota con la Panigale V4 R, dovuta ai pochissimi chilometri effettuati nel corso dei test invernali. Si spera in qualche miglioramento nella giornata di sabato.

“Leon ha accusato molto dolore alla spalla” ha ammesso il boss della squadra Marco Barnabò. “Speravamo che le sue condizioni fisiche gli permettessero di guidare con più tranquillità. Stiamo provando a fare alcuni adattamenti per fargli prendere maggiore confidenza con la moto. In questa situazione non sarà certamente facile portare a casa qualcosa di buono.”

Un fine settimana quindi che inizia con tante difficoltà. “Quando sono sceso in pista nel pomeriggio ho capito subito che la spalla non era in buone condizioni” ha confermato Leon Camier. “Dopo pochi giri la mia forma fisica non mi consente di mantenere un buon livello di prestazioni e non posso dare il massimo sulla moto. Domani voglio continuare a provare, ma so che non sarà facile guidare.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike: “Kawasaki vuole tenersi Jonathan Rea, lui vuole restare”

Superbike

Superbike: “Correre il Mondiale a porte chiuse per noi è insostenibile”

Superbike Compleanno, Lucchinelli

Buon 32° compleanno Mondiale Superbike: che tempi, quei tempi!