Superbike Laguna Seca: Jonathan Rea si prende il warm up, Aprilia è in agguato

Temperatura bassa e tempi stratosferici: svetta il Cannibale ma Eugene Laverty è vicinissimo. E in gara 2 scatterà in pole

24 giugno 2018 - 17:52

Jonathan Rea è stato il più veloce nei 15 minuti di warm up in vista di gara 2 del round americano del Mondiale Superbike che scatterà alle 23 ora italiana, le 14 locali. Il Cannibale della Kawasaki, trionfatore della prima sfida, ha girato in 1’22″715, il tempo più veloce registrato nell’arco del week end. Merito essenzialmente della foschia che ancora incombe su Laguna Seca, con temperatura  dell’asfalto di appena 25°C contro i 48°C registrati in gara 1. La verdona però non ha ballato da sola, è andata fortissimo anche l’Aprilia di Eugene Laverty staccato di soli 135 millesimi. Terzo tempo per Chaz Davies, a 487 millesimi dal capofila. Laverty (quarto nell’anticipo) scatta in pole, con Rea e Davies relegati in terza fila: è l’occasione ideale per l’Aprilia (qui cronaca e classifica di gara 1)

DUCATI NEL LIMBO – Davies resta il più serio antagonista di Rea, resta da capire fin dove potrà spingersi Marco Melandri che nel warm up ha fatto il settimo tempo ma scatta in prima fila (seconda casella) e ha quindi l’opportunità di partire in contropiede su un tracciato dove i sorpassi sono assai difficoltosi. Il ravennate è preceduto anche da Alex Lowes, autore di un fuoripista al Cavatappi, ma senza caduta, dall’altra Kawasaki di Tom Sykes e dalla Honda di Leon Camier. Soltanto decimo Lorenzo Savadori, che sta lavorando per risolvere i problemi d’aventreno (gomma o assetto?) che hanno pregiudicato la sua prestazione del sabato.

COSI’ AL VIA – Confermata la defezione di Toprak Razgatliouglu, che cadendo sabato al Cavatappi si è fratturato l’alluce del piede sinistro. Ecco lo schieramento, di appena 19 piloti. Prima fila: Laverty / Melandri / Fores. Seconda fila: Sykes / Van der Mark / Fores. Terza fila: Lowes A. / Davies / Rea. Quarta fila: Savadori / Camier / Baz. Quinta fila: Mercado / Herrin / Gagne. Sesta fila: Hernandez / Hanika / Jacobsen. Settima fila: Ramos.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott Redding show, uno così farebbe impazzire la Superbike

Jonathan Rea: i giorni dell’IRA

Dani Pedrosa prova le moto storiche che guiderà al Goodwood Revival