Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Obiettivo prima fila per dettare il ritmo”

Jonathan Rea chiude il venerdì di prove Superbike a Teruel con il 2° crono. L'obiettivo è la prima fila nella Superpole e puntare alla vittoria in gara.

4 settembre 2020 - 20:54

Il venerdì di prove libere Superbike al Teruel Round vede Jonathan Rea ad un solo millesimo dal miglior crono di Rinaldi. Il pentacampione chiude al secondo posto e riscalda i motori in vista della Gara-1 di sabato. Dopo aver raccolto dati importanti nello scorso week-end il pilota KRT ha dovuto fare i conti con temperature più elevate, ma con risultati soddisfacenti. Buona anche la prestazione del compagno di squadra Alex Lowes che ha concluso con il terzo miglior tempo di giornata.

I tempi migliori sono stati registrati al mattino durante la FP1, mentre al pomeriggio Jonathan Rea ha lavorato in ottica gara per affrontare i 18 giri. Una settimana fa ha vinto due gare su tre, oggi ha lavorato sull’affinamento del set-up della sua Kawasaki Ninja ZX-10RR. “Nelle FP1 abbiamo deciso di fare alcuni test per avere una forma un po’ diversa e provare a vedere se potevamo migliorare la nostra aerodinamica. Era molto difficile capire dai dati – spiega Jonathan Rea -, ma abbiamo avuto una sensazione positiva“.

Al pomeriggio ha completato un long run di 18 giri con la gomma morbida per una simulazione di gara Superbike. “Mi sentivo molto bene fisicamente e il consumo di gomme era OK – prosegue Jonathan Rea -. Abbiamo lavorato secondo il nostro programma e siamo stati secondi più veloci, quindi è stata una giornata positiva. Domani devo fare un grande sforzo in Superpole perché la posizione in pista conta molto qui. Con il mio passo abbastanza forte significa che se parto dalla prima fila potrei essere in grado di dettare meglio il ritmo“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena