Superbike: Jonathan Rea “Non sarà un week-end facile”

Torna al Nurburgring dove vinse lo scorso anno

2 settembre 2010 - 8:37

Il nord-irlandese Jonathan Rea è pronto per il week-end del Nurburgring, che avrà il suo inizio nel pomeriggio di domani. Il pilota Honda Ten Kate è reduce dal doppio secondo posto di Silverstone, in un fine settimana dove è stato battuto soltanto da Cal Crutchlow, quest’ultimo autore di una storica doppietta.

Il team ha avuto modo di compiere un test sul circuito di casa del team, Assen, in preparazione del round tedesco, potendo provare numerose novità che potranno portare ad una maggiore competitività la CBR 1000RR. “Johnny” lo scorso anno ottenne una vittoria in Gara 2 al “Ring”, ma è conscio che non sarà facile ripetersi in questa stagione, visto l’altissimo livello raggiunto dal mondiale delle derivate dalla serie quest’anno.

“E’ stato bello staccare un po’, ma non vedevo l’ora di tornare in sella” commenta Jonathan Rea. “Il test di Assen non poteva capitare in un momento migliore, perché ci ha permesso di tirarci via qualche ragnatela prima del Nurburgring, e di provare un bel po’ di roba per la moto. Lo sviluppo è continuato durante la pausa e il team procederà nello sforzo fino al termine della stagione. E’ bello riportare riabituare la testa ai 280-300 km/h in preparazione per il Nurburgring, a cui guardo con attesa.

Mi piace guidare su questo tracciato e sono riuscito ad ottenere una vittoria lo scorso anno. Nonostante questo, sono sicuro che gli altri torneranno ancora più forti dopo la pausa, quindi di per certo non sarà un week-end facile. Dobbiamo lavorare sodo per ottimizzare i setting della moto, affinché mi dia la possibilità di lottare fra i primi, ma sono sicuro che i ragazzi del team lo faranno.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Serve una nuova moto, la caduta è colpa mia”

Supersport Cluzel

Supersport, prove Argentina: Cluzel è impressionante, Gonzalez insegue

Superbike, Toprak

Superbike Argentina Prove 2: Super Toprak, adesso chi lo prende?