Superbike: Jonathan Rea “Credo ancora nel campionato”

Riporta come esempio paragoni con Edwards e Spies

12 maggio 2010 - 5:32

Voleva proseguire la striscia positiva di risultati utili consecutivi Jonathan Rea a Monza, ma il doppio-zero l’ha riportato ad uno svantaggio importante in classifica, 71 punti da Leon Haslam. Il pilota Ten kate non ha perso l’entusiasmo in vista di Kyalami, dove sarà nella migliore forma fisica possibile dopo aver sofferto un pò lunedì per la botta di gara 2 al via.

Lunedì mi son svegliato dopo le gare di Monza e non stavo proprio benissimo, ma per il weekend di Kyalami sarò al 100 %“, ammette Jonathan Rea. “Sto cercando di dimenticare Monza, penso che avevamo il potenziale per far bene e abbiam perso troppo terreno rispetto agli avversari. In Gara 1 ho commesso un errore, nella seconda manche qualcuno mi ha toccato, è stato un weekend davvero sfortunato“.

Il pilota nord irlandese crede ancora nelle proprie potenzialità di lottare per il titolo mondiale, riportando come esempio due illustri precedenti: Edwards su Bayliss nel 2002 (53 punti di svantaggio dopo Laguna Seca), Spies lo scorso anno, quando si ritrovava dopo Kyalami con 88 punti da recuperare su Noriyuki Haga.

Sono consapevole che la moto va forte e saremo in grado di lottare per vincere. Nel passato gente come Edwards o Spies in primavera sembravano tagliati fuori dal campionato, per cui tutto è ancora possibile. A Kyalami lavoreremo duramente per vincere: lo scorso anno qui ho ottenuto il mio primo podio in Superbike, spero di far meglio di questo risultato“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

portimao superbike sky sport

Superbike, il round di Portimão in TV: diretta Sky Sport e orari TV8

Superbike, Jonathan Rea

Superbike: Jonathan Rea troppe falle, così la rimonta è impossibile

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista ha perso la bussola Honda “A Portimao sarà peggio”