Superbike: James Toseland “Più veloci di 2 secondi”

Il britannico è contento del miglioramento compiuto

15 maggio 2010 - 14:40

Aveva la Superpole in pugno James Toseland, che nel suo passato in Superbike con Honda e Ducati è stato più un animale da gara che un campione da qualifica. L’ex-pilota MotoGP quest’oggi ha però impressionato tutti, grazie ad un superlativo miglioramento avvenuto tra le qualifiche della mattinata e le libere del primo pomeriggio, riuscendo a capitalizzare al meglio i progressi proprio nello shoot-out della Superpole. Il secondo tempo assoluto, a soli 17 millesimi dal compagno di squadra, non può che far ben sperare il britannico, sebbene l’incognita del collo ancora dolorante per il contatto in gara 2 a Monza può giocare un ruolo penalizzante nel corso delle gare.

“Sono molto contento del risultato”, ammette James Toseland, “specialmente dopo le qualifiche della mattina. Penso che siamo stati più veloci di ben due secondi questo pomeriggio. Ho un po’ di persone da dover ringraziare! I ragazzi della clinica mobile e tutti quelli dell’ospedale di Monza per il loro servizio al termine dello scorso week-end, e tutti i piloti che sono riusciti ad evitarmi in entrata alla prima curva, ad inizio della seconda manche la scorsa settimana.

La mia testa era un po’ confusa ieri e questa mattina, e questo mi ha portato su una strada sbagliata col team, ma loro hanno ricalcolato tutto e siamo migliorati di 2 secondi, quindi un grazie va anche a loro. Non sono riuscito a fare tanti giri in un’unica uscita a causa del collo, quindi non sono sicuro riguardo alla situazione nei 24 giri, ma quando le luci si spegneranno io darò il massimo fino alla fine!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli, la cinquina storica da fuga iridata

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea stuzzica Scott Redding “E’ stato facile dominare”