Superbike Germania: minuto di silenzio per le vittime degli attacchi in Spagna

Sconcerto nel paddock per quanto accaduto in Catalonia, dove ha sede il quartier generale del promoter Dorna. Gregorio Lavilla: "Cambril è dove vado a passeggio coi bimbi"

18 agosto 2017 - 12:29

Superbike, minuto di raccoglimento nel paddock del Lausitz (Germania) per le vittime degli attacchi terroristici in Spagna.

Organizzatore, team e piloti del Mondiale si sono silenziosamente riuniti per rendere omaggio alle persone colpite dagli attacchi terroristici di giovedi 17 agosto in Catalogna. Gli attentati hanno fortemente turbato l’ambiente: a Barcellona ha sede la Dorna, promoter della Superbike e della MotoGP.

Alcuni persone che lavorano nell’ambiente sono state sfiorate dalla tragedia. Una di queste è Gregorio Lavilla, direttore sportivo Dorna e membro della Race Direction, il gruppo di tre persone che controlla le operazioni in pista. “Cambrils si trova a neanche dieci chilometri da dove abito, è un bellissimo posto con il porto, belle barche, un’atmosfera piacevole, quasi ogni sera d’estate porto la famiglia e i figli a passeggio o a mangiare un gelato” ha ricordato con un filo di voce Lavilla, che è stato per parecchi anni anche pilota di ottimo livello nello stesso Mondiale. “Fa veramente male pensare che nello stesso posto dove passeggi sereno coi bimbi per mano avresti potuto incontrare questi terroristi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yuichi Takeda

Il ritorno di Yuichi Takeda: in Superbike è ancora recordman

Superbike Chaz Davies

Superbike, Chaz Davies resta in Ducati: sarà coach del team Aruba

Toprak Razgatlioglu

Razgatlioglu punta al bis Superbike: “La MotoGP non è il mio sogno”