Superbike: cronaca della giornata di venerdì a Imola

Come è andata nelle quattro classi al via a Imola

24 settembre 2010 - 16:25

Prima giornata di qualifiche ufficiali questo venerdì all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari per il dodicesimo round stagionale del Mondiale Superbike 2010. Temperature estive in mattinata e qualche goccia di pioggia di troppo nel pomeriggio hanno fatto da corollario ai primi turni di qualifiche che hanno visto assegnare le pole position provvisorie a Carlos Checa in Superbike, Kenan Sofuoglu in Supersport, Ayrton Badovini in Superstock 1000 e Giuliano Gregorini in Superstock 600.

Superbike: Checa subito al top

È di Carlos Checa la pole position provvisoria della categoria Superbike che con il crono di 1’48.178 si riconferma il più veloce in pista dopo aver dominato anche la sessione di libere della mattina. L’alfiere spagnolo del Team Ducati Althea precede di 380 millesimi il nordirlandese di casa Honda Ten Kate, Jonathan Rea seguito dal pretendente al titolo mondiale, Leon Haslam sulla Suzuki e da Noriyuki Haga, tornato sul gradino più alto del podio in gara 2 al Nurburgring. Il giapponese del Team Ducati Xerox precede il compagno di squadra, Michel Fabrizio, quinto, più veloce di Shane Byrne sulla seconda Ducati del Team Althea. Chiudono la seconda fila provvisoria Cal Crutchlow sulla Yamaha del Team Sterilgarda, settimo, e Troy Corser ottavo sulla BMW. Buon undicesimo tempo per l’italiano Lorenzo Lanzi che sulla Ducati del Team DFX Corse chiude la sessione davanti al leader della classifica Max Biaggi, solo quattordicesimo con l’Aprilia. Gli altri italiani sono Luca Scassa diciassettesimo, la wildcard Federico Sandi diciottesima e Matteo Baiocco ventiduesimo.

Supersport: la pioggia assegna la pole provvisoria a Sofuoglu

Le previsioni annunciavano pioggia nel tardo pomeriggio di oggi e l’acqua ha fatto la sua comparsa durante il primo turno di qualifiche della categoria Supersport. Nel corso dei venti minuti in cui la pista è rimasta asciutta, il più veloce è stato il leader della classifica generale Kenan Sofuoglu con il crono di 1’52.397. Il turco del Team Ten Kate ha preceduto il suo diretto avversario per il titolo, Eugene Laverty sulla Honda del Team Parkalgar e il compagno di squadra, l’italiano Michele Pirro, di nuovo in forma dopo l’infortunio di Brno e la buona partecipazione come wildcard nel Gp Moto2 d’Aragona una settimana fa. Chiude la prima fila provvisoria Katsuaki Fujiwara in sella alla Kawasaki. Quinto tempo per l’inglese di casa Triumph, Chaz Davies, che precede l’australiano Broc Parkes (Kawasaki Motocard.com), l’italiano del Team Intermoto Czech Massimo Roccoli e l’australiano del Team Kuja Racing, Mark Aitchinson. Nono il giovane talento inglese Gino Rea, mentre ancora difficoltà per il nostro Vittorio Iannuzzo solo diciassettesimo con la Triumph. Le wildcard italiane sono Migliorati tredicesimo, Tamburini sedicesimo, Vizziello diciannovesimo, Palumbo ventesimo, Barone ventunesimo e Goffi ventiseiesimo.

Superstock 1000: Badovini sotto il record della pista

Lo straordinario tempo staccato a metà della prima sessione di qualifiche da Ayrton Badovini in sella alla BMW gli ha permesso di aggiudicarsi la pole position provvisoria per il gran premio di domenica, nona prova stagionale della categoria. Il cronometro si è fermato sul tempo di 1’51.528, quasi un secondo sotto il record della pista fatto segnare l’anno scorso da Xavier Simeon. Il biellese già campione del mondo precede di 997 millesimi il connazionale Lorenzo Zanetti sulla Ducati del Team SS Lazio Motorsport, il francese del Team Ten Kate Race Junior, Maxime Berger, e l’altro italiano in forza al Team Lorini, Andrea Antonelli, quarto. Seconda fila per il francese del Team Garnier BMW, Sylvain Barrier, davanti al trio di italiani composto da Baroni (Ducati – Team Pata B&G), Giugliano (Suzuki – Team06) e La Marra (Honda – Team Lorini). Chiude la top ten la wildcard Domenico Colucci in sella alla Ducati del Barni Racing Team, vittorioso a Misano nel sesto round del CIV Superstok 1000 solo una settimana fa. Seguono gli altri italiani con Beretta, Magnoni, Petrucci e Vivarelli ad occupare le posizioni dall’undicesima alla quattordicesima e Andrea Boscoscuro sedicesimo.

Superstock 600: le wildcard Gregorini e Massei davanti a tutti

Sessione di qualifiche partita su tracciato bagnato quella della categoria Superstock 600 che è scesa in pista per ultima questo pomeriggio ad Imola. L’intera sessione è stata caratterizzata dal testa a testa tra le wildcard Giuliano Gregorini (Team Elle2Promotion) e Fabio Massei (Team Piellemoto) entrambi su Yamaha, che ha visto spuntarla il pilota di Fano per poco più di 2 decimi sul romano. Terzo tempo per il pretendente al titolo Florian Marino con la Honda del Team Ten Kate Race Junior davanti alla Kawasaki di Mercado. Seconda fila provvisoria aperta dal leader della classifica Jeremy Guarnoni (Yamaha MRS Racing) che precede il giovane italiano Riccardo Russo wildcard sulla Yamaha del team Bike e Motor Racing, Egea e Lanusse. Nono tempo per il pilota del Team Honda All Service System by QDP, Davide Fanelli seguito a Major a chiusura della top ten.

Il meteo della giornata di domani sarà cruciale per la definizione delle griglie di partenza delle quattro categorie: le previsioni danno tempo variabile con alta probabilità di precipitazioni nel corso della giornata, pertanto una situazione abbastanza imprevedibile per i team.

Silvia Lavezzo

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

Superbike BMW

Superbike, BMW cala gli assi: Baz e Laverty UFFICIALI nel 2022

Superbike, Jonathan Rea e il team KRT

Superbike, KRT si scusa con Jonathan Rea: “Non abbiamo dato il 100%”