barnabo ducati barni superbike

Superbike, Barni Racing: “Essenziale trovare il budget per l’intera stagione”

Marco Barnabò traccia il bilancio di un difficile 2020. Serve voltare pagina, pensando in primis alle coperture economiche. "Se iniziamo l'anno, dobbiamo finirlo."

29 ottobre 2020 - 11:55

Si è appena conclusa un’annata particolarmente complessa per Barni Racing Team. Tutto è cominciato con i guai fisici del suo pilota, Leon Camier, infortunatosi nel corso di un test. Anzi, dopo il lockdown le sue condizioni erano ancora ben lontane da quelle sperate e correre ai ripari per trovare presto un sostituto non era semplice. Da allora si sono visti altri tre piloti in sella alla Ducati Panigale del team di Marco Barnabò: Marco Melandri, Samuele Cavalieri, Matteo Ferrari. Difficile quindi puntare ai risultati sperati inizialmente, si è chiusa così una stagione piuttosto sottotono. Si lavora ora per il 2021: si cerca un pilota, ma l’obiettivo principale è avere le basi per disputare l’intero campionato.

“Il nostro pilota per il 2020 era Leon Camier, ma il suo infortunio ha complicato la situazione” ha sottolineato Marco Barnabò a worldsbk.com, riassumendo la difficile annata appena conclusa. “Lo stavamo aspettando, ma non è stato in grado di tornare. Abbiamo provato con Marco Melandri, ma non è andata come previsto.” Da allora gli obiettivi sono cambiati. “Abbiamo pensato solo a disputare tutte le gare, a pagare gli stipendi a tutti i ragazzi del team ed a dare ad alcuni giovani l’opportunità di correre. Certo è stata una stagione molto complessa, dai costi enormi e senza ricompense in termini di risultati. C’è stata solo la soddisfazione di aver concluso tutti i round in programma.”

Serve voltare subito pagina, programmando il Mondiale Superbike 2021. Ancora non c’è un nome, anche se non sono mancate le voci riguardanti per esempio Tito Rabat (in uscita da Ducati Avintia in MotoGP, nonostante il contratto in essere). Si ipotizza anche Chaz Davies (ex Aruba Ducati). Ma Barnabò non vuole fare nomi, la priorità al momento è un’altra. “È essenziale trovare il budget per l’intera stagione” ha rimarcato il boss Barni Racing. “Stiamo parlando poi con tanti piloti, ma arrivare ad un’accordo è diverso. Speriamo però che in 10 giorni o massimo due settimane ci siano idee chiare in Ducati. Non dovremo però partire alla cieca: se iniziamo il campionato dobbiamo essere certi di finirlo, come abbiamo sempre fatto.”

Ma non solo l’aspetto economico, comunque fondamentale. “Ci serve una stagione che ci dia il coraggio e la motivazione di continuare.” In sostanza, un pilota che porti risultati, come in passato Xavi Forés o Michael Rinaldi. “Fortunatamente, o sfortunatamente, molto dipende dal pilota” ha ammesso Barnabò. “Se non è in forma i risultati non arrivano, anche se la moto è competitiva. Ma non ha particolare senso avere fretta, visto che il campionato inizierà tra parecchi mesi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Chaz Davies può vincere anche con Go Eleven? (VIDEO)

Superbike: Ecco la bozza di calendario 2021, sarà un Mondiale tutto europeo?

Superbike, Chaz Davies

Superbike, UFFICIALE Chaz Davies resta in Ducati con Go Eleven