SBK, Jonathan Rea

SBK, Jonathan Rea: “Anche stavolta ho vinto la mia birra”

Jonathan Rea chiude al comando una stagione SBK 2019 incredibile. Buone sensazioni anche per il neo arrivato Alex Lowes 4° nel test di Jerez.

30 novembre 2019 - 8:33

Jonathan Rea ha vinto la birretta scommessa coi suoi meccanici. In coda ai test di Jerez ha fatto il fenomeno, ma  non è riuscito esattamente ad arrivare dove lui avrebbe voluto. Cioè scendere sotto 1’38”, là dove solo sei MotoGP si erano spinte ad inizio settimana. Nell’ultimo settore ha lasciato due-tre decimi. Così si è dovuto accontentare, si fa per dire, di 1’38″397. Neanche le condizioni del tracciato, sporco in curva 1 per l’olio lasciato dalla Yamaha di Michael van der Mark, hanno aiutato. Ma Jonathan Rea è andato in vacanza in vantaggio in tutte le configurazioni: almeno 3-4 decimi con le gomme da gara, otto decimi con la qualifica. Qui cronaca e tempi delle prove.

“LA KAWASAKI CRESCE”

Concluso anche il programma di lavoro sul setting della sua Kawasaki ZX-10RR, oltre a raccogliere informazioni utili su sospensioni e l’elettronica. Dati che si riveleranno di fondamentale importanza nel prossimo test di gennaio sempre qui a Jerez e per affrontare al meglio l’inizio di stagione 2020. “Nel complesso è andata abbastanza bene – ha spiegato Jonathan Rea -. Ho avuto una buona motivazione per questo test. Normalmente alla fine di una stagione intensa è facile perdersi, ma ci siamo concentrati sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Abbiamo fatto molti test back-to-back di cose che avevamo da provare durante l’anno“. Al vaglio del campione anche alcune novità ergonomiche e il freno posteriore al manubrio. “Sento ancora che abbiamo fatto davvero un buon lavoro in questo test. Siamo dove dovremmo essere e sono davvero felice di firmare un incredibile 2019”.

BUONA LA SECONDA PER LOWES

Buone sensazioni anche da parte del neo arrivato Alex Lowes, che conclude la sua seconda uscita con la Kawasaki al quarto posto. Il britannico è caduto nei minuti finali e non ha potuto provare un vero time attack. Ma ha impiegato gran parte dei suoi test lavorando sull’assetto generale e sui miglioramenti in frenata. Ora si è stabilito nel suo nuovo ambiente di lavoro ed è pronto per ulteriori approfondimenti nel prossimo test SBK fra meno di due mesi. “Il test è stato davvero positivo poiché il mio feeling con la moto è stato molto buono. Dopo il test Aragon, Marcel (Duinker) e io volevamo lavorare sulla frenata perché il modo in cui guidavo la mia vecchia moto era un po ‘diverso. Ma già dai primi giri abbiamo fatto un grande passo e oggi mi sono sentito davvero a mio agio con la frenata“.

Risposte positive sia con gomme nuove che usate, riuscendo a mantenere sempre un ritmo costante. “Ovviamente alla fine sono caduto usando una gomma da qualifica – ha aggiunto Alex Lowes – ma era solo un piccolo dettaglio. Ho avuto immediatamente una buona intesa con tutti i meccanici e lavorare con Marcel è davvero facile. È stato davvero divertente essere qui con due bei giorni e bel tempo“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea, In Testa

Jonathan Rea, “In Testa” anche per Natale

Superbike, Toprak

Superbike: Yamaha 2020 solo per Toprak e van der Mark

Scott Redding

Superbike: Scott Redding “Ducati ha tutto per vincere”