Superbike, Jonathan Rea

LIVE Superbike Aragon/2: Redding vince con l’azzardo slick, 2° Jonnhy

LIVE Gara-2 Superbike ad Aragon. Segui la diretta con tempi, classifica, commenti e aggiornamenti in tempo reale dal circuito MotorLand.

23 maggio 2021 - 14:22

Scott Redding e Ducati conquistano la prima vittoria stagionale nel Mondiale Superbike ad Aragon. L’azzardo delle gomme slick in griglia di partenza si rivela la scelta giusta e viene premiata. Seconda piazza per Jonathan Rea che conserva la leadership in classifica. Dopo il giro di riscaldamento il nordirlandese ha scosso la testa, avendo già capito che le gomme intermedie lo avrebbero penalizzato. Poi un contatto con Gerloff gli ha fatto perdere secondi preziosi. Sul podio l’altra Kawasaki di Alex Lowes. 4° Sykes davanti alle Yamaha di Van der Mark e Toprak. 9° Andrea Locatelli.

-1 giri: Redding imprendibile, in zona podio Rea e Lowes. 4° Tom Sykes, Folger supera Gerloff.

-3 giri: Rea blinda la seconda piazza, dietro di lui Lowes, Van der Mark e Toprak. Gerloff 7° procede ad un ritmo impressionante, chiudono la top-10 Folger, Locatelli e Mahias. 11° Bautista in evidente difficoltà, 15° Bassani.

-5 giri: A terra Rabat. Gerloff 8°, mentre Jonathan Rea adesso è 2° e proverà a limitare i danni per l’errata strategia gomme e per quel contatto con Gerloff.

-6 giri: Scalata di Andrea Locatelli che ora è 7°. Rea tallona Van der Mark e prepara il sorpasso negli ultimi giri. Redding sempre più solo verso il traguardo.

-8 giri: Redding prende ormai il largo e si avvia verso la prima vittoria stagionale. Sfida per il podio tra Van der Mark, Rea, Lowes e Toprak.

-10 giri: Scott Redding scava un vantaggio di circa 4″ su Van der Mark. 3° Lowes, 4° Rea e 5° Razgatlioglu.

-12 giri: Jonathan Rea 5° dopo il soprasso di Scott Redding che adesso vola al comando. Saggia scelta montare le gomme da asciutto.

-14 giri: Razgatlioglu al comando davanti a Lowes e Van der Mark. 4° Rea seguito da Redding. Ma le gomme slick di Scott potrebbero rivelarsi decisive nella seconda parte di gara. Gerloff risale subito in 12esima posizione. Cade Leon Haslam.

-16 giri: La top-10: Rea, Gerloff, Lowes, Van der Mark, Toprak, Redding, Bautosta, Sykes, Haslam, Nozane. 13° Andrea Locatelli. Davies monta gomma slick e ritornerà in pista… Contatto tra Gerloff e Rea: l’americano della Yamaha out, il campione in carica resta in piedi ma perde la leadership.

-18 giri: Rea e Lowes subito davanti, Chaz Davies cade a terra. Michael Rinaldi ritorna subito ai box per montare gomme da asciutto. 6° Scott Redding

Il pre gara-2

13:59 – Leggera pioggia ad Aragon, occhio alle gomme… Prima fila tutta intermedia, anche in seconda fila, con Davies che ha una gomma rain all’anteriore. Due gomme slick per Scott Redding SC1 e SC0 che tenta il tutto per tutto dopo l’errore del mattino.

13:55 – Week-end in salita per le Ducati. Nella giornata di ieri Chaz Davies, del team GoEleven, è stato molto critico nei confronti della casa italiana.

13:50 – Neppure il tempo di raggiungere la leggendaria quota 100 che Jonathan Rea è già a 101. Al sei volte campione i complimenti di Lewis Hamilton e Marc Marquez.

13:45 – Nella seconda manche della categoria Supersport vittoria di Steven Odendaal con la Yamaha. Sul podio il nostro Raffaele De Rosa (Kawasaki) e Jules Cluzel (Yamaha).

13:40 – La griglia di partenza di Gara-2 Superbike ad Aragon:

1: Rea, Lowes, Gerloff

2: Davies, van der Mark, Razgatlioglu

3: Bautista, Redding, Nozane

4: Sykes, Haslam, Rinaldi

5: Rabat, Laverty, Mahias

6: Locatelli, Ponsson, Folger

7: Vinales, Bassani, Cavalieri

8: Mercado, Cresson

13:37 – Jonathan Rea scatterà dalla pole, in prima fila Alex Lowes e Garrett Gerloff. Seconda fila formata da Chaz Davies, Michael Van der Mark con BMW e Toprak Razgatlioglu. Settima finestra in griglia per Alvaro Bautista, che ieri è caduto a due giri dalla fine per un problema di elettronica. A chiudere la terza fila Scott Redding, che paga un errore di strategia gomme nella Superpole Race, e la Yamaha di Kota Nozane.

La Superpole Race di Aragon

Il primo week-end del Mondiale Superbike sta per volgere al termine con la Gara 2. Jonathan Rea ha dominato sia in Gara 1 che nella Superpole Race di stamattina. Dopo qualche attimo di tentennamento ai primissimi giri, anche per evitare errori o incidenti, il sei volte iridato della Kawasaki ha preso il volo. Merito anche della giusta strategia gomme e di un lavoro di squadra impeccabile. “Ottima strategia, era una scelta difficile perché era una condizione pista. Ma già nei primi giri sono riuscito a mettermi nella posizione giusta e a dettare il mio ritmo. Grazie al team perché era difficile fare il set-up giusto per queste condizioni che cambiavano ad ogni giro. Hanno fatto un lavoro spettacolare – ammette Jonathan Rea – e vediamo che succede in gara 2. Vediamo cosa dicono le nuvole e saremo pronti“.

Seconda finestra in griglia per Alex Lowes che riproverà a dare l’assalto alla prima vittoria stagionale. “Le condizioni erano diverse da ieri, quindi tutti sono partiti da zero. Abbiamo testato poco sul bagnato, penso sia la prima volta che abbiamo usato le intermedie in Superbike, non sapevo se avrei portato abbastanza temperatura nella gomma. Quello era un po’ il dubbio. Poi ho visto che Jonnhy ha fatto la stessa scelta, ho fatto qualche piccolo errore e non sono riuscito a stare dietro a Jonnhy. L’ultima curva era un po’ scivolosa… Sono contento del secondo posto“.

Ancora una Yamaha si affaccia nelle prime posizioni di questo inizio di Mondiale Superbike. Ma Stavolta non è quella di Toprak, ma quella del giovane americano Garrett Gerloff. “Ho cambiato gomme all’ultimo secondo. Ero nervoso quando hanno tirato via le termocoperte e non sapevo se avrei fatto la scelta giusta. Ho parlato con i ragazzi della 300, mi hanno detto che c’era una traccia asciutta, nel giro di ricognizione mi sono reso conto che c’era un buon tratto asciutto e la scelta si è rivelata corretta. Quelli davanti a me hanno preso la stessa decisione. Qualcuno mi ha toccato al Cavatappino, ma sono riuscito a non cadere. La Yamaha era perfetta, grazie mille al team. Sono pronto per la gara di oggi“.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu: “Contatti con Johnny Rea? Nessun problema”

Superbike

Superbike: grave trauma cranico per Tom Sykes, rimane in osservazione

Superbike, Michael Rinaldi

Superbike, Michael Rinaldi la vendetta: “Quante critiche dopo Misano!”