Marco Melandri

Marco Melandri: “Sto lottando con la mia moto”

Il pilota GRT Yamaha parte dal fondo e finisce nono. "Ma è tutto così difficile, non riesco a trovare le mie traiettorie."

14 luglio 2019 - 15:00

Marco Melandri ha compromesso gara 1 con una qualifica terribile: 17° tempo e partenza dalla sesta fila. Da lì ha iniziato una faticosa rimonta che lo ha portato alla nona posizione finale. Con la GRT Yamaha ha pagato 32 di ritardo su Jonathan Rea ma è arrivato vicino a Michael van der Mark e Loris Baz, suoi compagni di marca. Fuori portata Alex Lowes, finito al quinto posto e 12 secondi più avanti. Annunciando il disimpegno dal Mondiale a fine stagione, Marco Melandri aveva dichiarato di essersi tolto un peso e che sarebbe tornato in pista pieno di voglia. Ma Laguna Seca lo ha fatto precipitare negli stessi problemi di adattamento alla YZF-R1 che sta pagando dall’inizio dell’avventura. Qui cronaca e classifica di gara 1

“LOTTA CON LA MIA MOTO”

La gara 1 è andata molto meglio delle qualifiche , ma non posso davvero essere felice perché sto lottando molto” racconta Marco Melandri. “C’era molto traffico nei primi giri e comunque, anche quando ho avuto una pista libera, ho non potuto guidare come volevo. Mi manca la fiducia e non sono riuscito a trovare  le mie traiettorie. E’ tutto così difficile. Quando la gomma è calata, mi sono sentito un pò meglio perché la moto era un po’ più morbida, ma non ancora ideale.  Il problema è che io combatto per tutta la gara con la moto. Cerco di fare del mio meglio ma non è abbastanza. Adesso l’obiettivo è fare una bella partenza nella gara sprint e provare a entrare nella top 9. Scattare in una posizione decente in gara 2 sarebbe molto importante.”

Foto Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike 2020, Kiefer Racing

Superbike 2020: Kiefer Racing cambia scenario con Jonas Folger e BMW?

Jonathan Rea, Scott Redding

Jonathan Rea: “Ducati ha scelto il top, Scott Redding ha talento”

Alvaro Bautista, Giulio Nava

Superbike: Alvaro Bautista porta in Honda il capo tecnico Giulio Nava