Marco Melandri

Marco Melandri: nuova vita, stessi problemi

Il pilota di GRT Yamaha chiude il venerdi con il 12° tempo, in coda alle altre R1 in pista. "E' andata come mi aspettavo"

13 luglio 2019 - 16:46

Marco Melandri ha annunciato martedi scorso che a fine stagione lascerà le corse. O almeno il Mondiale, per dedicarsi a sfide meno stressanti. “Vado in America libero da un peso, ho una gran voglia di tornare a divertirmi” aveva scritto appena atterrato,  nel suo consueto articolo per Corsedimoto. Ma il venerdi di Laguna Seca non ci ha offerto un Melandri inedito, ma piuttosto lo stesso delle gare precedenti. A partire dalla posizione: 12° tempo, peggiore Yamaha in classifica fra le cinque in pista. Il più incisivo fra i piloti R1 è stato anche in questa occasione Loris Baz, autore del sesto crono. Il francese ha cominciato la stagione in forte ritardo ma in tre round ha preso saldamente in mano la situazione (qui cronaca e tempi del venerdi). Marco invece arranca negli stessi problemi delle uscite precedenti.

“I PROBLEMI RESTANO GLI STESSI”

E’ cominciata più o meno come mi aspettavo” spiega Marco Melandri. “La pista è molto accidentata, e sappiamo dalle gare precedenti che questo mi ha causato alcuni problemi. Abbiamo provato molte cose sulla moto, ma mentre la sensazione cambiava il problema rimaneva lo stesso. Mi piacerebbe sentirmi più a mio agio, ma questo è stato il mio più grande problema dall’inizio della stagione, e quello che stiamo ancora lavorando per risolvere. Continueremo a lavorare e vedremo dove saremo nelle prossime sessioni”.

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Jonathan Rea: “Adesso Alvaro Bautista è un pò meno mostro”

Superbike 2020, Calendario

Superbike 2020: Calendario, niente Asia ma torna la Germania

Lorenzo Savadori

Superbike 2020: Lorenzo Savadori, (quasi) fatta con Pedercini Kawasaki