Loris Baz, che ritorno! “Laguna Seca si adatterà bene alla Yamaha”

L'ex Kawasaki si sta trovando sempre meglio con la Yamaha gestita da Ten Kate. Pilota e team stanno lavorando in ottica 2020 ma...tenetelo d'occhio

11 luglio 2019 - 14:00

Gli ex esodati della Superbike hanno passato mesi d’inferno. Loris Baz e gli olandesi della Ten Kate, storico team giubilato da Honda, hanno cominciato il campionato in gran ritardo ma adesso, sullo slancio, si stanno prendendo soddisfazioni. Pochi si aspettavano che il francese della Savoia fosse così veloce da subito, tantomeno che i ragazzi olandesi della squadra riuscissero in appena tre round a far volare la YZF-R1. Loris Baz, giova ricordarlo, non ha ancora tutti gli aggiornamenti tecnici di cui dispongono i quattro piloti del team ufficiale e del satellite GRT. Ma in queste nove gare è andato forte, a volte fortissimo : è arrivato due volte ai piedi del podio (quarto), poi sesto. In due occasioni è stato il miglior pilota Yamaha in pista. Baz e Ten Kate stanno affrontando questa seconda metà di stagione con l’occhio già rivolto al 2020. Quando, partendo alla pari con gli altri, potrebbero diventare una bella gatta da pelare per tutti.

“ANDREMO FORTE ANCHE A LAGUNA SECA”

A Donington è stato davvero un bel week end per noi” spiega Loris Baz. “Mi trovo molto bene con la squadra e seguendo le indicazioni del mio capo tecnico siamo andati in crescendo. Abbiamo preso una buona direzione, il set up migliora costantemente come la mia fiducia in sella alla R1. Guidare questa moto è sempre più naturale, anticipo le reazioni. Sulla pista inglese sono arrivato in scia ad Alvaro Bautista nella Superpole Race e in gara 2 me la sono giocata a lungo con Alex Lowes, che guida questa moto da anni. Sono finito a soli sette secondi dalla vittoria, pur essendo partito male, una cosa che dobbiamo risolvere in fretta. Penso che la R1 si adatterà bene a Laguna Seca. Non vedo ora di cominciare…”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alvaro Bautista: adesso è lui che aspetta risposta da Ducati

MXGP: Romain Febvre in “verde” nel 2020?

Leon Camier “Nel 2020 voglio una moto al top”