Superbike Teruel 2020

LIVE Superbike Teruel: Rea padrone assoluto, Rinaldi-Redding sul podio

Gara-2 di Superbike a Teruel in tempo reale. Segui in diretta il secondo round e la grande sfida tra Jonathan Rea e Scott Redding per il titolo mondiale.

6 settembre 2020 - 14:33

Jonathan Rea conquista la 96esima vittoria e consolida il suo primato in classifica del Mondiale Superbike. Michael Rinaldi, dopo una gara combattutissima, si aggiudica un meritato secondo posto. Terzo gradino del podio per Scott Redding. A seguire Haslam e Lowes.

-2 giri: Jonathan riesce a compiere un altro salvataggio, con il posteriore della sua Kawasaki che rimbalza sull’asfalto. Il campione sta prendendo dei rischi per blindare il suo primato in classifica mondiale.

-3 giri: Rea alla curva 5 assesta la zampata vincente e si porta al comando.

-4 giri: Rea prova a superare Rinaldi, poi va largo e rischia di perdere l’anteriore. Che rischio per Jonnhy!

-5 giri: Redding ci prova ad avvicinarsi, Rinaldi intanto deve difendersi dal nordirlandese.

-6 giri: Chaz Davies cade, Haslam 4°.

-7 giri: Stacca forte Rinaldi, ma Rea è ormai la sua ombra.

-8 giri: Sfida aperta tra Rinaldi e Rea, Redding sembra volersi accontentare del terzo posto. Ma la gara è ancora lunga… Alle loro spalle non cambia nulla con Davies 4° davanti ad Haslam, Lowes e van der Mark.

-10 giri: Rea lima qualche decimo e si avvicina a Rinaldi. Redding a sette decimi dal pentacampione della Superbike. 9° Federico Caricasulo, 10° Marco Melandri.

-11 giri: Michael Rinaldi prova a ripetere l’impresa storica di ieri e scava un vantaggio minimo di mezzo secondo da Rea. 4° Davies davanti ad Haslam e Lowes.

-13 giri: Incroci pericolosi tra Redding, Rea e Rinaldi. L’italiano davanti e si mette dietro Redding e Rea.

-14 giri: Cade Bautista, intanto i primi tre prendono il largo.

-15 giri: Cade Scheib, Rinaldi porva ad attaccare Rea ma l’impresa non è facile.

-16 giri: La top-10: Redding, Rea, Rinaldi, Bautista, Davies, Haslam, Lowes, Toprak, van der Mark, Baz

-17 giri: Rinaldi si avvicina a Rea, si deve fermare Tom Sykes.

-18 giri: Rea scatta davanti alle due Ducati, 4° Bautista davanti a Davies. Poche curve e Redding si mette al comando…

13:59 – Inizia il giro di riscaldamento ad Aragon.

13:55 – 24° dell’aria, 40° la temperatura dell’asfalto. Gara-2 sarà leggermente più fresca rispetto al round di sabato.

13:50 – Michael Rinaldi proverà a ripetersi in gara-2 dopo la storica vittoria di ieri. Il pilota romagnolo punta al team ufficiale nella stagione 2021. Molto dipenderà dal rinnovo o meno di di Chaz Davies.

13:45 – Yamaha in difficoltà in questa domenica di Superbike. Toprak miglior R1 in griglia al 7° posto. Dopo la vittoria in Superpole Scott Redding si riavvicina a Jonathan Rea in classifica: 27 i punti di distacco tra i due campioni.

Il pre Gara-2 a Teruel

Nel sabato di Superbike a Teruel Michael Rinaldi ha realizzato un’impresa da sogno. Nella Superpole Race di domenica mattina il pilota romagnolo chiude sul podio, ma stavolta ha dovuto fare i conti con Scott Redding e Jonathan Rea che hanno imposto il loro ritmo. I due maggiori contendenti del WorldSBK hanno dato vita ad una sfida effervescente in cui alla fine l’ha spuntata il britannico della Ducati. Partiranno dalla seconda fila Alvaro Bautista, Chaz Davies e Alex Lowes. Dalla terza Toprak Razgatlioglu, Leon Haslam e Tom Syjes, con la Yamaha di van der Mark che chiude la top-10. 12° Federico Caricasulo.

Dopo la caduta di ieri in Gara-1 Scott Redding aveva sete di rivincita e, con un sorpasso rabbioso, ha superato il nordirlandese alla Superbike con un’imponente manovra da urlo. Archiviata la disfatta del sabato, proverà a ripetersi quest’oggi. “Abbiamo provato qualcos’altro e provato a vincere. Questo è ottimo per avvicinarci a oggi pomeriggio, speriamo che il feeling rimanga lo stesso – ha detto Redding nel parco chiuso -. Mentre ieri dopo pochi giri mi sentivo al limite, oggi sono riuscito a mantenere il ritmo per tanti giri. Spero di avere lo stesso passo per fare un buon risultato in Gara-2“.

Jonathan Rea sa di dover giocare in difesa ad Aragon e incassa un altro secondo posto, importantissimo per la classifica Superbike. La Ninja ZX-10RR poco può contro la potenza Ducati sui lunghi rettilinei del tracciato spagnolo e in staccata. “Abbiamo fatto una bella partenza ma è arrivato subito forte Redding, ha fatto davvero un gran ritmo – riepiloga Jonnhy -. Per me era difficile trovare un punto dove passare. Eravamo forti nella prima parte della pista, poi negli allunghi era più veloce. Continuavamo a fare un effetto elastico, mi sono divertito, la seconda posizione di partenza è buona e guardo alla seconda gara“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Gianni Ramello

Superbike: GoEleven diventa “Storie di una vita” il libro del sogno diventato realtà

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena