Jonathan Rea

Kawasaki al lavoro: cos’ha provato Jonathan Rea a Misano?

Forcella, telaio, posizione di guida: la Kawasaki ZX-10R è un cantiere aperto. Jonathan Rea vola e aspetta la sfida di Jerez con grande fiducia

31 maggio 2019 - 14:29

Dopo un inizio di Mondiale in difesa, la Kawasaki ha decisamente cambiato passo. La doppietta di Jonathan Rea ad Imola è stata la prima avvisaglia di una riscossa tecnica che ha preso corpo nella due giorni di test a Misano. Ad una settimana dal sesto round a Jerez, l’iridato in carica Jonathan Rea ha messo alla prova una nutrita serie di componenti evoluzione approntati per recuperare terreno nei confronti della Ducati. Il cronometro ha sorriso: Rea ha girato in 1’35″1 in configurazione gara e 1’34″5 con la gomma da qualifica, prestazioni fuori portata per gli altri. (Qui i tempi ufficiosi). Ricordiamo che nel Mondiale al comando c’è Alvaro Bautista (11 vittorie), con 43 punti di vantaggio su Jonathan Rea (2 vittorie). Ciascuno degli otto appuntamenti che restano assegna 62 punti.

“STIAMO FACENDO PASSI AVANTI”

Pere Riba, capo tecnico di Jonathan Rea, spiega cosa sta bollendo in pentola. “Durante i week end di gara è impossibile sperimentare, Misano è stata la prima occasione per introdurre qualche novità e seguire strade di sviluppo inedite” premette l’ex pilota catalano. “In particolare abbiamo lavorato su nuove geometrie del telaio, con l’intenzione di modificare il bilanciamento della ZX-10R. Avevamo anche diversi settaggi delle sospensioni (Showa, ndr), inoltre Jonathan ci ha chiesto di modificare la posizione di guida. Nonostante il maltempo siamo riusciti quasi a completare il programma e i risultati sono stati eccellenti. Adesso però serve verificare queste migliorie su un altro tipo di tracciato.” 

JONATHAN REA CI CREDE: “BENE COSI'”

Jonathan Rea il secondo giorno ha girato solo nel pomeriggio, perchè al mattino è rimasto a letto debilitato da una leggera influenza. “La cosa più importante che abbiamo provato è una differente posizione sulla moto. Adesso mi sento più a mio agio, il feeling è migliorato molto. Direi che sia stato un test molto positivo.”

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea, In Testa

Jonathan Rea, “In Testa” anche per Natale

Superbike, Toprak

Superbike: Yamaha 2020 solo per Toprak e van der Mark

Scott Redding

Superbike: Scott Redding “Ducati ha tutto per vincere”