Jonathan Rea

Jonathan Rea pilota da battere: che ritmo la Kawasaki

Il leader del Mondiale chiude 2° ma ha un passo gara travolgente e una fiducia totale nell'anteriore. "Stiamo andando molto meglio di un anno fa"

13 luglio 2019 - 7:41

Jonathan Rea ha chiuso il venerdi di Laguna Seca stretto nella morsa delle Ducati. Ma non fidatevi troppo di questo secondo posto (a soli 32 millesimi da Chaz Davies…) perchè la Kawasaki è stata velocissima, lavorando soprattutto in ottica gara. Dopo aver dominato la prima sessione, chiusa con mezzo secondo di vantaggio su tutti, otto decimi davanti ad Alvaro Bautista, con 41°C d’asfalto  il leader del Mondiale ha girato in 1’23” (molto) basso utilizzando sempre la stessa anteriore. Ha compiuto 25 giri, la stessa distanza di gara, con miglior passaggio (1’23″419) proprio all’ultimo. Il lampo di Chaz Davies ha riportato ottimismo nel box Ducati, ma è ancora Jonathan Rea il grande favorito del round americano. Qui cronaca e tempi del venerdi. 

SIAMO MOLTO A POSTO”

Mi sento abbastanza positivo dopo il primo giorno perché siamo arrivati ​​molto velocemente dove avremmo voluto essere, già nel turno del mattino” si compiace Jonathan Rea. “Il caldo del pomeriggio ha modificato il grip, che è sceso. Ma siamo stati comunque molto consistenti.  Ho trovato una gomma anteriore che mi piace molto, ed è un respiro di sollievo perchè qui lo scorso anno avevo faticato molto (aveva fatto doppietta, ndr…). Abbiamo portato l’anteriore più avanti possibile nel test di durata, e il mio feeling è ottimo.  Le Ducati sono molto vicine, ma sabato mattina proveremo a fare un altro piccolo passo avanti.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Jonathan Rea: “Adesso Alvaro Bautista è un pò meno mostro”

Superbike 2020, Calendario

Superbike 2020: Calendario, niente Asia ma torna la Germania

Lorenzo Savadori

Superbike 2020: Lorenzo Savadori, (quasi) fatta con Pedercini Kawasaki