Chaz Davies

Chaz Davies infuriato: “Marco Melandri, una manovra folle”

Il ducatista ha sparato a zero contro il pilota italiano, dandogli piena responsabilità dell'incidente costato il ritiro di entrambi. Melandri penalizzato dai commissari

9 giugno 2019 - 18:06

Chaz Davies si detestavano quand’erano compagni (si fa per dire…) in Ducati. Una coabitazione che ha lasciato parecchie scorie e la collisione al sesto giro di gara 2 a Jerez è la conseguenza. Alla curva Pons Marco è entrato all’interno, Chaz ha chiuso la traiettoria e l’impatto è stato inevitabile. Ritiro per entrambi, mentre erano in gioco per (almeno) un posto sul podio. La dinamica dell’incidente è controversa. Ma Stewards Panel della FIM, cioè gli stessi tre commissari protagonisti del pasticcio Rea-Lowes del giorno precedente (leggi qui i dettagli), hanno dato la colpa a Marco Melandri che nel prossimo round di Misano perderà sei posizioni in griglia nella sprint race. Chaz Davies ha rilasciato dichiarazioni di fuoco.

“MELANDRI NON SI SCUSERA’ MAI”

“Intanto è stata una fortuna rialzarsi interi, ci potevamo fare molto male” attacca Chaz Davies. “Non ho mai visto nessuno superare in quel punto, nè in Superbike e neanche in MotoGP. Melandri dovrebbe sapere come funziona il gioco delle traiettorie, me lo sarei aspettato da un debuttante, non certo da un pilota di 37 anni con la sua esperienza. La cosa che mi secca di più è che Marco non si scuserà. Conoscete tutti come sia.”

“PUNIZIONE MERITATA”

“Ha fatto una cosa veramente stupida, non ci sono spiegazioni. Mi avesse attaccato in un punto normale lo avrei capito, e avrei anche accettato un contatto. Non ne sarei stato felice, ma avrei capito. In quel punto, con quella dinamica,  è stata la manovra di un pazzo”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea, Scott Redding

Jonathan Rea: “Ducati ha scelto il top, Scott Redding ha talento”

Alvaro Bautista, Giulio Nava

Superbike: Alvaro Bautista porta in Honda il capo tecnico Giulio Nava

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike: Toprak, adesso manca solo vincere