Chaz Davies, il ritorno: “Adesso la Ducati va come piace a me”

Il vice iridato disputata un'eccellente gara 1 e torna sul podio. L'azzardo della gomma SCX non ha pagato, ma adesso la Ducati V4R gli è amica

14 luglio 2019 - 14:59

Chaz Davies risorge fra le colline della California, conquistando il miglior piazzamento (secondo posto) e il terzo podio di questa stagione 2019 finora ben inferiore alle attese. Il gallese resta ottavo in classifica, ma il segnale è incoraggiante: Chaz è fuori dal tunnel? Dopo aver sfiorato la pole (appena nove millesimi da Jonathan Rea) Davies in griglia ha optato per la gomma posteriore SCX, un gran rischio considerando che si tratta della soluzione da gara sprint, cioè appena dieci giri invece di 25. Ma, cronologici alla mano, con la soffice da gara Jonathan Rea aveva un vantaggio tale che la scelta azzardata era l’unico modo per provare a ribaltare l’esito di una corsa già segnata. La SCX dà un vantaggio di 3-4 decimi. Finchè dura…

CALO D’ADERENZA

All’inizio avevo una gran fiducia, la Ducati si guidava davvero bene” riconosce Chaz Davies. “Ma verso metà gara ho avvertito un calo di grip. Gli ultimi giri sono stati davvero complicati e di conseguenza ho dovuto calare il mio ritmo perdendo il contatto da Rea. Il risultato comunque è molto importante, è l’inizione di fiducia che serviva, a tutti.” 

MODIFICA STRUTTURALE

Laguna Seca è un tracciato molto particolare, i piloti Ducati temevano che si rivelasse particolarmente complicato per le caratteristiche della V4R. “Invece abbiamo trovato buone soluzioni, ho compiuto una radicale modifica d’assetto che contiamo possa aiutarci su tracciati molto diversi da questo”. Questo podio dunque potrebbe essere la svolta. E’ quello che la Ducati spera, perchè aver ritrovato il miglior Chaz Davies potrebbe essere un elemento importante in un finale di stagione che si annuncia particolarmente caldo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marco Melandri: “Non sono dove vorrei essere”

Toprak vs Bautista, di chi è la colpa?

Chaz Davies, fine dell’incubo? “Questa vittoria significa molto”