Chaz Davies

Chaz Davies, che sfortuna: quando la Ducati fa i capricci

Il gallese della Ducati a Portimao stava andando fortissimo. Poi la domenica la luce si è spenta. Ecco perchè

9 settembre 2019 - 10:26

Chaz Davies sembrava rinato. Trionfo a Laguna Seca, il primo 2019 e con la Ducati V4R, poi un brillante secondo posto in gara 1 a Portimao in coda ad un imprendibile Jonathan Rea, ma nettamente davanti al compagno Alvaro Bautista. La domenica però la luce si è spenta di nuovo. Il gallese ha concluso solo decimo la gara sprint e costretto a partire dalla quattordicesima posizione in griglia ha poi sofferto anche di problemi al cambio. Risultato: Chaz Davies è finito fuori dalla zona punti, perdendo terreno prezioso nella corsa al terzo posto Mondiale, che resta comunque alla portata. Perchè la Ducati numero 7 ha perso la strada, mentre Alvaro Bautista ha vinto?

“Pur partendo così  indietro, che certamente non aiuta, ero convinto di poter risalire parecchio in gara 2 ma il cambio ha cominciato a fare i capricci, non riuscivo più ad azionarlo nella maniera opportuna. Ho cercato di essere più dolce possibile perchè la leva non si rompesse del tutto, ma più che arrivare in fondo non potevo fare.”

Perchè nella gara sprint sei andato cosi male?

“Dopo il secondo posto di sabato abbiamo fatto alcuni cambiamenti di set up ma siamo andati nella direzione sbagliata. Con la V4R è facile, non abbiamo ancora un’esperienza sufficiente. Non conosciamo ancora a fondo questa moto.”

Il terzo posto nel Mondiale si allontana…

“Non vengo a correre per arrivare terzo, per cui mi interessa relativamente. Quello che voglio è trovare stabilità di prestazione, essere veloce su tutti i tipi di tracciato. Stabilità di prestazione, ecco cosa ci manca. E’ in questa direzione che dobbiamo continuare a lavorare.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea, Scott Redding

Jonathan Rea: “Ducati ha scelto il top, Scott Redding ha talento”

Alvaro Bautista, Giulio Nava

Superbike: Alvaro Bautista porta in Honda il capo tecnico Giulio Nava

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike: Toprak, adesso manca solo vincere