ana carrasco

Ana Carrasco, tolte le placche alla schiena. “Tra un mese di nuovo in moto”

Continua il recupero di Ana Carrasco. Martedì sono state rimosse le placche applicate alla schiena a settembre. "Saremo al 100% per l'inizio di stagione."

13 gennaio 2021 - 18:16

Il processo di recupero continua più rapidamente del previsto. L’infortunio alle vertebre riportato l’anno scorso da Ana Carrasco continua senza intoppi. Per questo si è deciso con largo anticipo di rimuovere le placche apposte nel corso dell’intervento successivo alla lesione. L’operazione si è svolta ottimamente e nelle prossime settimane la campionessa Supersport 300 2018 potrà tornare alla sua normale attività fisica. In meno di un mese sarà anche in grado di ritornare ad allenarsi in moto. L’inizio di stagione 2021 sarà ad aprile e Carrasco potrà arrivarci perfettamente in forma.

“Sono davvero contenta, è andato tutto bene” ha dichiarato la pilota Kawasaki Provec in seguito all’intervento. “Voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno supportato negli ultimi mesi. In particolare il nostro coordinatore medico Albert, il mio allenatore Santi ed il mio osteopata Joan Tao, per le tante ore che mi hanno dedicato. Certo non mancano i ringraziamenti anche per i dottori Ubierna e Cáceres. Non vedo l’ora di tornare in sella alla mia Ninja 400. Saremo decisamente al 100% sia fisicamente che mentalmente quando inizierà la nuova stagione.”

“Nella giornata di martedì 12 gennaio abbiamo rimosso le placche in titanio inserite a settembre” hanno aggiunto i dottori Cáceres e Ubierna. “Nel corso degli esami abbiamo visto che le lesioni si stanno sistemando. In questo intervento abbiamo inserito osso liofilizzato nei buchi lasciati dalle placche, per velocizzare così la rigenerazione delle ossa. Tutto è andato bene, come da programma, e la prossima settimana svolgeremo un altro controllo per valutare i progressi. Se tutto fosse a posto, in due settimane Ana potrebbe riprendere i suoi esercizi. Con altre due settimane di attesa, potremo rivederla in moto.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Redding e l’affronto di Bassani: “Ho mostrato la mia autorità”

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Bautista-Razgatlioglu sfide diverse”

Superbike, Michael Rinaldi

Superbike, Michael Rinaldi: “E’ una situazione molto difficile”