Alvaro Bautista

Alvaro Bautista si butta via “Il Mondiale non è più nelle mie mani”

All'inizio del campionato ha fatto il fenomeno, adesso è a terra. Il 34enne spagnolo ha sprecato tutto. Resterà comunque in Ducati?

15 luglio 2019 - 7:39

In un mese Alvaro Bautista ha perso tutto.  Ha mandato in fumo un vantaggio che poteva rivelarsi decisivo (61 punti…) e perso fiducia con quella Ducati V4R che nella fase iniziale del campionato era sembrata imbattibile, o quasi. Ma la cosa peggiore è che si è rotta l’armonia nel box. Il rinnovo sembrava già difficoltoso prima, dopo questo disastro Bautista e la Ducati da dove potranno ripartire? (qui cronaca e classifica di gara 2)

“TOPRAK HA CURVATO COME NON CI FOSSI”

Mi sono dovuto fermare in gara 2 non tanto per il dolore, ma perchè non avevo forza nel braccio sinistro, non riuscivo a controllare la Ducati neanche in rettilineo” racconta un Alvaro Bautista in apparenza calmo come al solito. “Toprak alla prima curva della Superpole Race ha fatto la curva come se fosse stato solo in pista, con la posteriore ha toccato il mio avantreno e non potevo fare niente. Poi è venuto a scusarsi, ma ormai era andata. Abbiamo fatto una lastra, adesso a casa farò controlli più approfonditi.”

QUELLE CADUTE INSPIEGABILI

In gara 1 mi sentivo tranquillo, non stavo tirando. L’unica caduta di quelle recenti di cui ho una spiegazione è quella di Donington (sul bagnato, ndr). In quelle condizioni può capitare. Ma le altre proprio non me le spiego. Non è nemmeno il limite della moto, in prova tiro molto di più e non sono mai caduto. Comunque non è un problema di testa”.

“PRIMA VINCEVO, ORA CADO”

Adesso la priorità è guarire, spegnere il cervello e quando sarà ora pensare a come migliorare la moto. Posso ancora migliorarla, ma l’unica differenza è che prima vincevo e adesso cado. Il Mondiale non è più nelle nostre mani, posso solo pensare a vincere quante più gare possibili. Ma al titolo non penso più”.

ADESSO RESTERA’ IN DUCATI?

Il contratto? Devo parlare con il mio manager (Simone Battistella, lo stesso di Andrea Dovizioso, ndr). Sulle cose importanti siamo già d’accordo ma ci sono alcuni aspetti da sistemare”.

 

1 commento

Ringhietto
16:23, 15 luglio 2019

Il feeling con una moto credo si crei nel tempo, probabilmente quello che si è stabilito ad inizio stagione era meno solido del previsto. Discorso inverso per Chaz che forse ha finalmente trovato il legame giusto con la V4.
Non sono un pilota professionista e potrei sbagliarmi ma mi fa specie che Bautista ancora non abbia capito perchè è caduto 3 volte su 4…perseverare è diabolico

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tom Sykes, BMW

Superbike: Tom Sykes “Battere la Kawasaki sarà difficile”

oschersleben superbike

Superbike: Ritorno in Germania, nel 2020 tappa a Oschersleben

Honda, Superbike

Superbike: “La nuova Honda non sarà subito da podio”