Alvaro Bautista

Alvaro Bautista: “Rea e vd Mark veloci, io sono pronto a tutto”

Il leader del Mondiale sul giro secco ha fatto la differenza ma si aspetta un week end di battaglia. Futuro: "Se spuntasse una MotoGP ufficiale..."

7 giugno 2019 - 17:38

Alvaro Bautista si è regalato il venerdi che voleva: veloce, consistente e davanti a tutti. Ma gli avversari stavolta alitano sul collo: Michael van der Mark e Jonathan Rea hanno stampato cronologici in linea con quello del leader Mondiale. Jerez potrebbe regalarci il primo confronto diretto della stagione, a differenza dei cinque appuntamenti precedenti che si sono risolti in fughe solitare. Bautista ha vinto undici volte, Rea due. Van der Mark vanta un secondo posto ad Assen come miglior piazzamento. Qui la cronaca e i tempi del venerdi.

SARA’ UN CONFRONTO DIRETTO?

Le Yamaha sono molto veloci anche sul passo” puntualizza Alvaro Bautista. “Jonathan Rea me lo aspettavo vicino come sempre, Michael van der Mark ha un cronologico molto simile al mio. Potrebbe fare molto caldo là davanti, finora non abbiamo visto gare tanto combattute.  Io sono pronto a tutto. Al mattino non c’era aderenza, forte per le piogge della notte. Per fortuna al pomeriggio è tornato caldo, ho provato varie soluzioni di gomme perchè sappiamo che qui conservare l’aderenza fino alla fine sarà decisivo. Sono felice: siamo andati forte, senza strapazzare le gomme. Non ho fatto grandi cambiamenti d’assetto.”

“SE CI FOSSE UNA  MOTOGP UFFICIALE…”

Alvaro ha parlato anche di futuro. “Ho un solo anno di contratto con Ducati, senza alcuna  opzione” puntualizza. “Certo, se spuntasse una MotoGP ufficiale mi piacerebbe, vengo da quel mondo e mi piacerebbe tornarci. Ma se non ci fosse questa possibilità, starò volentieri anche qui:  ho una gran moto, sto bene con la squadra e mi piace l’ambiente Superbike. Il mio manager (Simone Battistella, lo stesso di Andrea Dovizioso, ndr) ha cominciato a parlare del 2020. Ascoltiamo, non ho fretta.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Mondiale difficile al primo tentativo”

ana carrasco

Ana Carrasco, inizia la riabilitazione: le cicatrici sulla schiena

Superbike, Garrett Gerloff

Superbike: Garrett Gerloff scala il podio, e se fosse solo l’inizio?