Alvaro Bautista

Alvaro Bautista allo scoperto: “Sto parlando con Honda”

Il ducatista parla per la prima volta della trattativa con Honda. Difficile sia solo pretattica per alzare la posta con Ducati. HRC parla anche con Bradl e Fores

24 luglio 2019 - 18:51
Alvaro Bautista ha parlato direttamente, per la prima volta,  di interesse Honda nei suoi confronti. L’attuale pilota Ducati  lo ha fatto nel corso di un’intervista concessa alla radio spagnola OndaCero. “Non mi aspettavo potesse spuntare fuori questa opzione, Honda vuole tornare nel campionato Mondiale Superbike” è stata la rivelazione di Bautista. Che intanto ha rispedito al mittente l’offerta di rinnovo che Ducati aveva messo sul tavolo durante il week end di Misano, più di un mese fa. Bautista e Ducati sono ancora molto distanti sull’entità economica del contratto.

ALTRI DETTAGLI

Alvaro è stato prodigo di dettagli riguardo l’interesse Honda nei suoi confronti. “Parlano con me, mi spiegano il progetto e quali sono i programmi. Al momento io voglio tenere tutte le porte aperte.” Bautista ha dato anche  informazioni dettagliate riguardo l’offerta Ducati. “Mi hanno offerto di continuare con loro per le prossime due stagioni (2020-21, ndr), stiamo ancora parlando di dettagli ma ancora non ci sono firme. Ci sono alcune cose di cui stiamo discutendo.”

COME SI ORGANIZZERA’ LA HRC?

Alvaro Bautista ha già gareggiato con Honda per tre anni in MotoGP (2012-14) conquistando tre podi. E’ assai improbabile che  stia solo facendo pretattica per alzare la posta con Ducati. Che Honda sia determinata a schierare un team diretta emanazione di HRC nel 2020 è, ad oggi, quasi certo, anche se per l’ufficialità bisognerà aspettare il post 8 Ore di Suzuka. Oltre a Bautista nel novero di candidati ci sono Stefan Bradl, che è già nel giro HRC come tester MotoGP, oltre a Xavi Fores, impegnato sempre con Honda nel British Superbike.

2 commenti

Ringhietto
12:01, 24 luglio 2019

Certo che lasciare una moto con cui ha dominato la prima parte del campionato e che sta maturando per passare ad una Honda più che acerba mi pare un passo azzardato.
Ducati sicuramente ha valide alternative, accanto a Chaz Redding lo vedrei bene. Con la V4 sta dominando il BSB e non è caduto inspiegabilmente 4 volte di fila.

Alvaro sta calmo e rifletti bene, molto bene 😉

Ringhietto
12:00, 24 luglio 2019

Certo che lasciare una moto con cui ha dominato la prima parte del campionato e che sta maturando per passare ad una Honda più che acerba mi pare un passo azzardato.
Ducati sicuramente ha valide alternative, accanto a Chaz Redding lo vedrei bene. Con la V4 sta dominando il BSB e non è caduto inspiegabilmente 4 volte di fila.

Alvaro sta calmo e rifletti bene 😉

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda HRC

Superbike 2020: Honda HRC, ma siamo sicuri che ci sarà?

Slovena Imola

MXGP Imola: invasione slovena per Tim Gajser

Honda Imola

MXGP Imola: Honda si “nasconde” in vista del 2020?