Superstock 600: round a Imola, Guarnoni per il titolo

Titolo ad un passo, ben 12 italiani presenti a Imola

22 settembre 2010 - 3:21

Quando ti ritrovi con 43 punti di vantaggio a due gare dal termine, si può già iniziare a festeggiare. Jeremy Guarnoni, 17enne pilota francese di Tolosa, al terzo anno di partecipazione è vicinissimo alla conquista del titolo Europeo Superstock 600. Sono già pronti i preparativi per la grande festa di questo fine settimana a Imola, dove potrà permettersi il lusso di perdere 18 punti in un sol colpo su Florian Marino, suo più diretto (e sfortunatissimo) inseguitore in classifica: semplicemente anche un nono posto può bastare, al fine di correre in totale relax l’ultimo evento stagionale del 2 ottobre nella “sua” Magny Cours. Nessuno ad inizio stagione si sarebbe immaginato un epilogo simile del campionato, tenendo conto della velocità e talento di Florian Marino, pupillo di casa Ten Kate Race Junior con un curriculum di tutto rispetto spaziando tra Red Bull Rookies Cup, Trophee Junior Pirelli, vittoria alla seconda gara nell’Europeo Stock 600 (lo scorso anno a Magny Cours con Race’s Junior) e anche un test all’attivo con la Moto2 del team Tech 3. Eppure il pilota di Cannes ha perso punti per strada, dalla scivolata al primo giro di Portimao (imprendibile nelle prove) al contatto con Mercado all’ultimo giro di Monza.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’infortunio al polso destro rimediato nell’IDM Superbike ad Assen, schierato come wild card dal team Ten Kate, quando era in lotta addirittura per la vittoria. Arrivato al Nurburgring in pessime condizioni fisiche, Marino non ha potuto che limitare i danni chiudendo in settima posizione, consegnando di fatto il titolo a Jeremy Guarnoni e al team MRS Racing di Adrien Morillas che già aveva portato al trionfo nel 2008 Loris Baz. Quasi una formalità per un campionato che non ha più niente da dire per la lotta alla corona europa, ben diverso il discorso per i motivi di interesse specifici per il round di Imola. Innanzitutto il numero degli iscritti, ben 25, favoriti anche da tantissime wild card con gli italiani a fare la voce grossa. I “regular riders” Dino Lombardi, Federico D’Annunzio e Davide Fanelli si giocano la terza posizione di campionato racchiusi in soltanto 12 punti: un piazzamento “da curriculum” ottimo per programmare al meglio la stagione 2010.

Oltre a questo terzetto ci saranno altri 9 nostri portacolori al via: dal leader del CIV Fabio Massei (da seguire con attenzione nelle posizioni di testa) a Giuliano Gregorini già wild card al Nurburgring, insieme al 15enne Francesco Cocco, la rivelazione del motociclismo tricolore Daniele Aloisi, Nicola Morrentino, Luca Salvadori e Riccardo Russo protagonista a Monza. Al Santerno la speranza è di sentire l’inno di Mameli sabato attorno alle 18:40, anche se a festeggiare il titolo sarà con ogni probabilità Jeremy Guarnoni..

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

Superbike BMW

Superbike, BMW cala gli assi: Baz e Laverty UFFICIALI nel 2022

Superbike, Jonathan Rea e il team KRT

Superbike, KRT si scusa con Jonathan Rea: “Non abbiamo dato il 100%”